Fano: sventata rapina in gioielleria, denunciato un 47enne

1' di lettura 08/06/2016 - Un'azione congiunta del commissariato fanese, della squadra mobile di Pesaro e della stradale, oltre all'intervento di alcune pattuglie del reparto "prevenzione crimine" di Perugia, ha permesso di sventare un agguato ai danni di una gioielleria locale. Fermata una motocicletta con targa falsa.

Oltre venti agenti schierati sulle strade fanesi per controlli intensi e straordinari del territorio. Il loro operato ha permesso di sventare una possibile rapina a una gioielleria del centro. Durante il pattugliamento è stata individuata, in via Mura Augustee, una Honda Hornet con targa sospetta: le lettere e i numeri, infatti, non erano in rilevo come previsto dalla legge. La polizia ha subito ipotizzato si trattasse di un malvivente che stava aspettando l'arrivo di un gioielliere o di un rappresentante di oggetti preziosi per aggredirlo e derubarlo. Il centauro ha tentato di seminare i poliziotti effettuando manovre pericolose tra le auto in transito ma è stato bloccato alla rotatoria della Liscia. Hanno così scoperto che la targa originale era stata coperta con una pellicola adesiva che riportava cifre non censite dal pubblico registro automobilistico (pra). L'uomo in sella, un italiano 47enne residente a Napoli, si era già macchiato di reati a danno di gioiellieri in varie parti d'Italia e gli era stata revocata la patente nel 2000. Oltre alla targa falsa, la motocicletta aveva l'assicurazione e la revisione scadute. Circa 5mila euro la multa a suo carico oltre alla denuncia per aver circolato con targa falsa.








Questo è un articolo pubblicato il 08-06-2016 alle 12:28 sul giornale del 09 giugno 2016 - 809 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo, Francesco Gambini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/axSa





logoEV
logoEV