Cartoceto: cercano di truffare un frantoio, denunciati padre e figlio

Carabinieri 1' di lettura 02/06/2016 - I carabinieri di Saltara hanno denunciato due uomini, padre e figlio, originari di Palermo per tentata truffa e furto di assegno. I due volevano raggirare un frantoio di Cartoceto cercando di comprare una grossa quatità d'olio dop con un assegno controfirmato e rubato a Roma. Prezioso il contributo dell'imprenditore che si è subito insospettito.

Gli addetti ai lavori la chiamano "la truffa del venerdì pomeriggio". Si tratta di una tecnica ormai nota, la cui diffusione è stata amplificata da internet e dai social media (facebook in primis): un potenziale acquirente, che sarebbe il truffatore, legge l'annuncio e contatta il venditore, ignaro di essere caduto in trappola, dicendogli che è disponibile solo nei weekend per il ritiro della merce. Il giorno è sempre venerdì e le scuse per stabilirlo sono molteplici. L'acquisto, inoltre, avviene tramite assegno circolare o bancario. Questa volta in ballo c'è una grossa partita di olio dop proveniente da Cartoceto. Il proprietario del frantoio si insospettisce poiché non conosce l'acquirente e il modo di concordare il prezzo gli sembra troppo sbrigativo. Avverte così i carabinieri di Saltara che gli dicono di "stare al gioco". All'arrivo di un furgone bianco, i carabinieri escono dall'appostamento e chiedono spiegazioni. In una busta i militari trovano un assegno controfirmato da un "fantomatico ingegnere titolare di una società fantasma", assegno che scoprono essere stato rubato a Roma qualche mese prima durante un furto in un'abitazione privata. I due, S.A., 60enne, e D.A, 19enne, padre e figlio originari di Palermo e residenti a Roma sono stati denunciati per tentata truffa e ricettazione dell’assegno.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-06-2016 alle 10:37 sul giornale del 03 giugno 2016 - 1115 letture

In questo articolo si parla di cronaca, Francesco Gambini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/axFI





logoEV
logoEV