counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Ordine e sicurezza pubblica: arresti, fermi e denunce in tutta la provincia ascolana

2' di lettura
1351

Carabinieri

Nell’ambito del controllo del territorio delle due Provincie di Ascoli Piceno e Fermo i carabinieri hanno messo in atto una vasta azione coordinata di presidio dinamico dell’intera giurisdizione impiegando numerose pattuglie delle caserme di Ascoli Piceno, San Benedetto del Tronto, Fermo e Montegiorgio.

La particolare attività, che ha visto impegnate 31 pattuglie, ha consentito di monitorare centri commerciali e zone industriali, teatro nei mesi precedenti di alcuni episodi di furto in danno di abitazioni ed esercizi commerciali.

I territori interessati sono stati quelli della fascia costiera e della zona interna. Particolare attenzione è stata data ai luoghi di ritrovo ed aggregazione di cittadini extracomunitari, fermate di autobus e altri mezzi di trasporto, controllato alloggiati in alberghi B&B, sale scommesse o sale videopoker.

Il particolare servizio ha consentito, nel complesso, di identificare nei 65 obiettivi ritenuti di interesse operativo, n. 362 persone di cui 103 straniere. I controlli, sotto il profilo prettamente operativo, hanno prodotto complessivamente 3 arresti e 3 persone deferite per alcuni episodi di furto.

In particolare i militari dell’Arma del Comando Provinciale di Ascoli Piceno hanno tratto in arresto: S.F., 30enne di Ascoli Piceno, sorpreso al di fuori della propria abitazione di Ascoli Piceno, nonostante fosse sottoposto agli arresti domiciliari, mentre passeggiava con il suo cane, lungo via Loreto. Immediatamente arrestato è stato ricondotto agli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.

V.A. di 53 anni e V.S. di 29 anni, residenti a San Benedetto del Tronto, che sono incappati nel controllo dei militari colpiti da due ordini di carcerazione emessi dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Ascoli Piceno per reati commessi anni addietro, e quindi tradotti nel carcere Marino del Tronto di Ascoli Piceno.

Ed ancora sono state arrestate due persone, originarie di Ascoli Piceno e Acquasanta Terme, sorprese sulla Salaria a bordo di un trattore gommato mentre trasportavano un carico di 100 lastre di travertino, pronte per essere installate sulla facciata di una villetta di campagna, ma che i due avevano asportato da un cantiere di una villa in costruzione in Frazione Valledacqua.

Preso anche un albanese che nell’ottobre 2015 si era resto responsabile di un furto in Contrada Poggio di Bretta di preziosi e monili d’oro per un valore di più di 5000 euro. Scoperta possibile grazie ai rilievi svolti dall’Arma locale sul luogo del delitto che hanno consentito di individuare svariate impronte digitali sulla finestra forzata per entrare nell’abitazione.

A Castel di Lama i carabinieri della stazione hanno sospeso la licenza d’esercizio del “Bar Eventi”, conosciuto anche come “bocciofila” perchè nei pressi del locale più volte si sono verificati piccoli episodi di spaccio nonché disturbo della quiete pubblica.



Carabinieri

Questo è un articolo pubblicato il 20-02-2016 alle 20:50 sul giornale del 22 febbraio 2016 - 1351 letture