counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Percorso Ictus Integrato, in Aula la mozione della vicepresidente Commissione Sanità

2' di lettura
843

Elena Leonardi

Approda nell'Aula del Consiglio Regionale la mozione presentata lo scorso 27 novembre dal Vicepresidente Commissione Sanità Elena Leonardi sul cosiddetto"Percorso Ictus Integrato".

Quello della rappresentante regionale di Fratelli d'Italia è un progetto innovativo per la sanità marchigiana che intende dare una maggiore efficacia ed un miglioramento dell'efficenza nella presa in carico dei pazienti colpiti da ictus sin dalle primissime fasi dell'evento.

La Leonardi ricorda che la Regione Marche, al contrario di molte altre regioni italiane, sulla tematica dell'ictus procede "a compartimenti stagni" senza un efficente coordinamento delle risorse strumentali ed umane. A Torrette difatti, ricorda la Leonardi, sono presenti unità operative neurochirurgiche adeguate, ma non è attivata, nella maniera più razionale possibile, l'unità di neuroanestesia. Leonardi propone l'efficentamento degli interventi tramite un pool di specialisti composti da un neurologo, un neuroradiologo interventista, un neuroariabilitatore ed un neuroanestesista. Dato che la caratteristica dell'ictus è l'evento improvviso che necessita di un intervento immediato, la Leonardi propone, con la sua mozione, le terapie endovascolari con trattamenti nelle arterie già nelle prime fasi dell'evento.

La finalità dell'atto proposto dalla Leonardi è quella di assicurare il più immediato pronto intervento così da avere una elevatissima riduzione del tasso di mortalità e con risultati di recupero molto più evidenti e veloci per i pazienti malati.

Nella mozione la Leonardi chiede pertanto di applicare le terapie più moderne con conseguente efficace procedura di monitoraggio e cura anche nelle settimane successive all'evento.

La Vicepresidente Commissione Sanità auspica pertanto la più ampia convergenza possibile su qusta tematica che esula da aspetti ideologici ma serve ad ottimizzare l'appropriatezza sanitaria, migliorare notevolmente la vita dei pazienti e ridurre così i costi legati al recupero delle persone colpite da ictus.




Elena Leonardi

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-02-2016 alle 16:23 sul giornale del 16 febbraio 2016 - 843 letture