counter

Ancona: capodanno clandestino con botti e stupefacenti, un arresto e una denuncia

Polizia generico 2' di lettura 31/12/2015 - Festeggiano capodanno in anticipo. Ma lo pagano a caro prezzo. Quindici cittadini nordafricani poco prima della mezzanotte si ritrovano in un locale degli Archi. Bevono troppo e, dopo urla e insulti, passano a spintoni, spallate e gomitate.

Sul posto si ferma una Volante che, impegnata nel controllo del territorio, nota il gruppo fuori dal bar. Alla vista degli agenti, gli animi si calmano, tranne quello di un 34enne tunisino che se ne esce con insulti e minacce. Alla richiesta di mostrare i documenti, l’uomo fugge verso via Mamiani. Scatta l’inseguimento a piedi. I poliziotti riescono a raggiungerlo in Via Vasari e, nonostante i suoi tentativi di allontanarli con calci e spintoni, lo bloccano. Accompagnato in Questura ne rilevano le generalità, scoprendo i numerosi alias usati nei vari controlli di polizia e tutti i precedenti in materia di immigrazione clandestina. Irregolare sul territorio nazionale, viene arrestato per aver opposto resistenza a Pubblico Ufficiale.

Meno durra la misura presa contro un 40enne anconetano di Borgo Rodi che, nonostante l’ordinanza contro l’uso di botti e fuochi d’artificio, nel pomeriggio di mercoleì 30 si è messo a sparare dalla finestra del suo appartamento. Il rumore mette in allerta i condomini che contattano il 113. Gli agenti giunti sul posto notavano una finestra al secondo piano, dalla quale si dissolveva una scia di fumo, chiudersi velocemente. I poliziotti intercettano l’uomo che inizialmente nega tutto. Poi, vistosi alle strette, apre la porta e inizia a rispondere a tutte le domande. Sul tavolo della cucina, dentro uno zainetto, i poliziotti trovano nove scatole contenenti dei fuochi d’artificio denominati Rambo 31K di categoria IV, per un totale di cento candelotti, il cui possesso è soggetto all’autorizzazione dell’Autorità di Pubblica Sicurezza. Autorizzazione di cui il fuochista improvvisato era privo.

Durante la perquisizione gli agenti rinvengono, occultata dentro un cassetto di una scrivania, anche un panetto di sostanza stupefacente, tipo cannabis, del peso di circa 62,48 g. L’uomo è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per detenzione di materiale esplosivo pirotecnico di categoria IV e di sostanza stupefacente a fini di spaccio.


   

di Enrico Fede
redazione@vivereancona.it

 





Questo è un articolo pubblicato il 31-12-2015 alle 14:09 sul giornale del 02 gennaio 2016 - 1086 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, clandestino, capodanno, cannabis, botti, articolo, Enrico Fede

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/ar79





logoEV
logoEV