counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

RSU e Aziende sanitarie: le scelte della Regione

1' di lettura
1761

alessandro marini

"La scelta della modifica della legge regionale 13/2003 è stata più volte considerata come necessaria dai diversi livelli di controllo sia Aziendale (Collegio Sindacale) che Centrale (Ministero Economia Finanza) al fine di ottimizzare i processi ed i percorsi relativi alla valutazione della “performance” sia individuale che Aziendale, alla Contrattazione Integrativa ed ai livelli retributivi.

Le modifiche approvate dal consiglio dunque garantiscono maggiore equità e trasparenza nella gestione delle Risorse Umane dell’Azienda, attraverso un percorso che sarà condiviso con le Organizzazioni Sindacali per evitare le storture che attualmente esistono in ambito Asur dove spesso a personale con stesse mansioni viene applicato un trattamento differente".

Lo afferma Alessandro Marini direttore generale Asur. "Omogeneizzare e uniformare queste le parole chiave - aggiunge - Inoltre Le singole RSU in carica presso le Aree vaste mantengono le funzioni attualmente svolte; i tavoli di contrattazione convocati presso le sedi delle Area Vasta si terranno presso la Sede della Direzione Generale dell’ASUR. La Direzione dell’Azienda convocherà i tavoli sindacali presenti i Direttori delle Aree Vaste. La contrattazione sindacale della quale è titolare la Direzione Generale dell’ASUR vedrà su specifici argomenti riguardanti le AAVV la presenza dei Direttori Di Area Vasta in qualità di parte pubblica trattante.

Tutto questo permetterà di: a) omogeneizzazione delle procedure della contrattazione, b) omogeneizzazione degli accordi sindacali, c) omogeneizzazione ed unificazione dell’area Economica-Contrattuale, d) omogeneizzazione ed unificazione dell’area Giuridica". Gia dal 7 Gennaio previsto un primo confronto per sviluppare con le Organizzazioni Sindacali un percorso condiviso con la Direzione dell'ASUR.



alessandro marini

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-12-2015 alle 19:00 sul giornale del 31 dicembre 2015 - 1761 letture