counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

San Costanzo: Nicola Sorcinelli presenta in anteprima il suo pluripremiato cortometraggio Helena

4' di lettura
1419

Un incontro generazionale sullo sfondo dei campi di sterminio nazisti; una donna in viaggio che dovrà fare i conti con la propria coscienza. Ecco gli ingredienti di “Helena” il nuovo cortometraggio di Nicola Sorcinelli, in anteprima al Teatro della Concordia di San Costanzo, domenica 3 gennaio.

Dopo “L'attimo di Vento” Nicola Sorcinelli torna alla regia con “Helena”, un cortometraggio che ha già raccolto un ampio consenso nei vari festival a cui è stato presentato (Roma e Cagliari) e che è valso al giovane regista marchigiano la nomination tra i “100 orgogli marchigiani”, una speciale lista stilata dal Resto del Carlino e nella quale Nicola si è ritrovato addirittura “a fianco di Valentino Rossi” - mi dice con una punta di soddisfazione.

Prodotto da Hundred Dreams Production e con la sceneggiatura di Paolo e Alessandro Logli, “Helena” narra la “redenzione” e il viaggio di una donna il cui compito è quello di portare i bambini nei vari campi di sterminio. L'ispirazione, mi racconta Nicola, è stata il frutto di un'idea nata per caso : “Tutto è nato da alcune parole che mi erano venute in mente senza un vero e proprio nesso: “e mi sentivo morire dentro nell'udire le risate di quei bambini che io stessa conducevo a morte”. Inizialmente non si riferivano a qualcuno di particolare o a un contesto storico particolare, ma sapevo che avrei voluto narrare la storia di una persona i cui dettami morali la portavano a fare qualcosa di negativo e che poi avrebbe dovuto fare i conti con la sua propria coscienza”.

A dare una forma concreta a questa idea occasionale, sono stati però i racconti di guerra di sua nonna, racconti che hanno colpito talmente tanto Nicola da fare da sfondo a molti dei suoi lavori: “ il secondo conflitto mondiale è stato da sempre uno dei miei contesti storici preferiti soprattutto grazie ai racconti di mia nonna con cui sono cresciuto da piccolo e che continuano ad affascinarmi; mio nonno poi era sopravvissuto ai campi di concentramento e quindi ho sempre avuto una predilezione per questo genere di storie”.

Per dare maggior risalto a questo processo di “redenzione”, Nicola ha fatto una precisa scelta narrativa: “quando si racconta una storia, di solito si individua un inizio, una parte centrale di svolgimento e una fine nella quale si conclude la narrazione e si sciolgono i nodi. La mia intenzione era quella di narrare solo il terzo tempo della vicenda, partendo quindi dalla parte finale e soffermandomi proprio sul dilemma interiore di questa donna”.

Allo stesso modo e con lo stesso obiettivo, a “parlare” e a “trasmettere” questa inquietudine interiore saranno i lunghi silenzi tra Helena e il bambino che lei accompagnerà nel lungo viaggio attraverso i boschi: “silenzi che aiuteranno a colmare quel vuoto che Helena si troverà ad affrontare quando tutte le sue certezze si sgretoleranno e inizierà a considerare quel bambino come ad un essere vivente e non più come un "qualcosa" da sterminare”.

A dare il volto a Helena e a esprimerne tutta la lotta interiore sarà Sandra Ceccarelli, un'attrice dal ricchissimo palmares che vanta una coppa Volpi e una nomination al David di Donatello per “Luce dei miei occhi” e una candidatura all'European Film Award per “La vita che vorrei”. “Non avrei potuto trovare interprete migliore per questo personaggio” conferma Nicola.

Dopo i vari riconoscimenti ottenuti – tra i quali il premio come Miglior Regia al festival "Punto di Vista" di Cagliari – Nicola presenterà in anteprima “Helena” nel Teatro della Concordia di San Costanzo, città che lo ha visto crescere e muovere i primi passo nel mondo della regia. Domenica 3 gennaio, alle ore 17.30 io e Sandra presenteremo il cortometraggio in anteprima. È davvero un onore poterlo presentare qui, anche perché sfortunatamente i cortometraggi non vedono quasi mai le sale e vengono rilegati ai soli festival”.

Ma il legame con le origini di Nicola non si ferma qui. A fare da sfondo a questa storia ci sarà il bellissimo paesaggio marchigiano: “abbiamo girato al Furlo, Ascoli Piceno e San Costanzo” - mi spiega Nicola - “e non potrebbe essere stato altrimenti: le Marche sono una delle poche regioni che offre davvero tutti gli scenari, e quei alti pini della Gola del Furlo erano perfetti per ricreare il paesaggio che ricercavo per il mio lavoro. Una location perfetta che fa parte anche di me”.



... Helena
... Helena
... Helena
... Helena
... Helena
... Helena
... Helena
... Helena


Questo è un articolo pubblicato il 26-12-2015 alle 15:40 sul giornale del 28 dicembre 2015 - 1419 letture