Banca Marche, First Cisl Marche: doppia truffa per i dipendenti

First Cisl 3' di lettura 19/12/2015 - I livelli delle responsabilità In merito alla grave situazione dei quattro istituti di credito tra cui Banca Marche, oggetto di un discusso decreto del Governo, si assiste ormai da giorni sugli organi di informazione ad un susseguirsi di slogan, interventi di varia natura spesso tesi a cavalcare a fini elettoralistici le legittime rimostranze di azionisti e obbligazionisti penalizzati, tentativi di scaricabarile, reciproche accuse di responsabilità.


In attesa che le Procure che stanno cercando le responsabilità per il dissesto finanziario di Banca Marche completino quanto prima la loro opera, sarebbe necessario che si possa realizzare un contesto più responsabile in cui, alle analisi seguano proposte affinché quanto accaduto non possa ripresentarsi in futuro.

Nell’immediato, almeno per quanto attiene il contesto regionale marchigiano e quindi Banca Marche, va fatta chiarezza sulle responsabilità che in questi giorni sembrano colpire l’obiettivo sbagliato. I lavoratori di Banca Marche, così come i colleghi degli altri istituti, sono vittime di un’allegra gestione fatta da personaggi, talvolta persino indicati dalla politica.

All’ex direttore Bianconi, oggi additato come principale responsabile di tale grave situazione, andrebbero accomunati anche i vari presidenti, i loro vice, e i consiglieri di Banca Marche, che lo hanno dapprima scelto e poi lasciato libero di procedere alla distruzione di quel “gioiello” di cui le Marche potevano vantarsi.

Non meno responsabili sono le Fondazioni “CR Jesi”, “CR Pesaro”, “CR Macerata” e “CR Fano” proprietarie della Banca e poco attente alla gestione del loro patrimonio.

Il management aziendale, i dirigenti di più alto grado che collaboravano con Bianconi, solo ora prendono le distanze: se non si sono accorti della qualità della gestione è grave, ma se hanno taciuto è anche peggio.

Oggi assistiamo ad un tiro al bersaglio nei confronti dei dipendenti doppiamente truffati: in primo luogo perché 2.210 su un totale di 2.800 lavoratori, quasi l’80%, hanno investito i propri risparmi nell’azienda dove lavorano e poi perché al fine di garantirsi l’occupazione hanno già da tempo anche dovuto ridursi le retribuzioni.
Il bersaglio è sbagliato e lo ribadiamo a gran voce: sarebbe come prendersela con il commesso della panetteria se il pane aumenta o addirittura se è troppo cotto.

L’unico “patrimonio certo” rimasto a questa Azienda di credito è la forza lavoro, il suo personale. Purtroppo nel terzo millennio il populismo colpisce spesso l’innocente, in questo caso i bancari stando rispondendo in prima persona per chi li ha gestiti male ed anche per chi aveva la responsabilità di vigilare, a partire dalla Banca d’Italia, che ha vigilato male.

Va sottolineato inoltre l’inutilità della nomina dei due commissari da parte della Banca d’Italia illudendo così la clientela ed i lavoratori su un possibile salvataggio di Banca Marche, che nei fatti non c’è stato. Ora sarebbe auspicabile una seria gestione della “bad bank” al fine di redistribuire l’utile della stessa a chi, ignaro e incolpevole, ha pagato per questa situazione.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-12-2015 alle 23:09 sul giornale del 21 dicembre 2015 - 539 letture

In questo articolo si parla di attualità, banca marche, cisl marche





logoEV