counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Saltara: alla Villa del Balì presentazione del nuovo piano regionale della prevenzione 2014-2018

3' di lettura
716

Venerdì 27 novembre a Saltara- Villa del Bali, presso la sala conferenze alle ore 9.00 con i saluti del Direttore di Area Vasta 1 dott. Carmine di Bernardo, si aprono i lavori per la presentazione del Nuovo Piano Regionale della Salute a cui sono stati invitati tutti i Sindaci della AV1 e gli operatori sanitari del territorio.

Questo percorso progettuale, elaborato di concerto tra il Ministero della Sanità e le Regioni, riafferma il primario concetto di importanza della prevenzione nelle diverse aree di intervento sanitario attraverso azioni trasversali che sono il nucleo operativo dei percorsi individuati. Il PRP (Piano Regionale della prevenzione) è infatti caratterizzato dalla intersettorialità dei programmi tra istituzioni diverse, trasversalità degli interventi all’interno delle organizzazioni sanitarie, coinvolgimento della popolazione per favorire percorsi di crescita e coinvolgimento dei cittadini, efficacia delle azioni programmate allo scopo di contrastare le crescenti diseguaglianze in salute dei cittadini favorendo l’accesso ai servizi del sistema sanitario.

Le relazioni saranno svolte dai Dirigenti Sanitari della Area vasta 1 e il compito di illustrare nella sua complessità il PRP è affidato al Direttore del Dipartimento di Prevenzione Dott. Massimo Agostini che focalizzando l’evento ha dichiarato: “ Il PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE (PRP) approvato dalla Giunta Regionale con Delibera n. 540 del 15 luglio 2015 è un fondamentale atto di programmazione per tutta l’area della prevenzione che avrà validità fino al 2018. E’ fuori discussione che una buona salute è un bene e una fonte di stabilità economica e sociale e la buona salute non può essere considerata il risultato dell’azione di un solo settore, ma necessita di una rete di soggetti coinvolti nel processo.

Occorre creare una rete dinamica di portatori di interesse a tutti i livelli della società al fine di sostenere le azioni di prevenzione e di promozione della salute improntate sulle evidenze scientifiche. La sfida è quella di cercare di cambiare la mentalità di tutti coloro (compresi i decisori) che vedono la salute solo in contesto ospedaliero, ovvero in termini di lotta alla malattia, portandoli invece a concentrarsi, anche e soprattutto in termini di risorse, sia sulla promozione della salute e del benessere sia sulla prevenzione in termini di diagnosi precoce, come nel caso degli screening oncologici”.

Il Direttore di Area Vasta 1, Carmine di Bernardo, nel sottolineare che è la prima volta che si attiva una conferenza degli attori sanitari, come percorso coinvolgente di tutte le strutture, sottolinea il senso della iniziativa sostenendo che “La sfida di tutti noi è di dare un senso ai bisogni di salute, di integrare i diversi attori e settori. La malattia toglie risorse, la prevenzione fornisce risorse, se non si comprende questo non si va da nessuna parte. Il Piano prevede 12 programmi di intervento con specifici linee di intervento e obiettivi annuali da raggiungere e valutati sia a livello regionale sia dal Ministero della Salute.” Sono previsti quattro programmi di promozione alla salute rivolti agli stili di vita per tutte le fasce d’età.

Un programma specifico per gli screening oncologici (prevenire è volersi bene); un programma sulla sicurezza e medicina del lavoro (Lavorare per vivere); Ambiente… in Salute; Un sistema vaccinale Regionale maturo; Preparazione e risposta della Sanità Pubblica alle emergenze; Prevenzione del randagismo e animali d’affezione nel contesto urbano; Sicurezza alimentare; Prevenzione delle Malattie infettive trasmissibili.

Tutti i programmi prevedono l’integrazione di più competenze attraverso una rete di operatori che coinvolge oltre che le Unità Operative del Dipartimento di Prevenzione, che ha anche compiti di coordinamento, tutte le macrostrutture della Sanità e altri soggetti del territorio (Distretto, Ospedale, Ambiti Sociali, Scuola, Enti, Associazioni).



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-11-2015 alle 16:51 sul giornale del 27 novembre 2015 - 716 letture