counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
comunicato stampa

San Benedetto: imbrattarono con scritte offensive il monumento di caduti Nassiriya, denunciati

1' di lettura
947

Sono stati identificati i responsabili del deturpamento del monumento dei Caduti di Nassiriya avvenuto il 6 ottobre scorso. Si tratta di CG nato nel 1996 e P.G del 1995 entrambi nati a San Benedetto.

I due giovani sono stati denunciati dal locale Commissariato di Polizia per vilipendio delle Forze armate (art.290 c.p.) e deturpamento di immobili pubblici e privati (art.639 c.p.).

La notte del 6 ottobre alle 4,15 una volante della polizia notava subito scritte offensive fatte in vernice rossa lunghe sei metri. Accanto alla scritta compariva la lettera A maiuscola cerchiata, simbolo degli anarchici. Visto che la vernice era ancora fresca gli agenti perlustravano la zona ritenendo che gli autori potessero essere ancora in zona. Pochi minuti dopo venivano fermati due ragazzi di cui uno minorenne.

Uno dei due, quello maggiorenne aveva le mani sporche di vernice rossa. I ragazzi, accompagnati in Commissariato, non riuscivano a giustificare adeguatamente la loro presenza nella zona anche in relazione all’orario. Successivamente, il minorenne, alla presenza dei genitori nel frattempo interpellati in Commissariato, ammetteva di aver fatto parte di un gruppo di quattro persone che era in giro per affiggere manifesti relativi ad una iniziativa politica.

Precisava inoltre che due di questi, passando nella zona del monumento, avevano imbrattato lo stesso con le scritte rinvenute. Il monumento eretto nell’intersezione di via Togliatti e viale Dello Sport era stato inaugurato solo qualche giorno prima, il 28 settembre 2015.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-10-2015 alle 22:31 sul giornale del 24 ottobre 2015 - 947 letture