counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Bimbi mai nati: la commissione regionale sanità modifica il regolamento

2' di lettura
1238

fabrizio volpini

La Commissione Sanità, presieduta da Fabrizio Volpini (Pd), ha approvato la proposta di modifica al regolamento regionale sulle attività funebri e cimiteriali, relatori i consiglieri Luca Marconi (Popolari Marche – Udc) ed Elena Leonardi (FdI), nella parte che riguarda l'autorizzazione all'inumazione e tumulazione dei feti e prodotti abortivi.

In particolare, si stabilisce che l'Asur, le Aziende ospedaliere e le strutture sanitarie private accreditate, debbano predisporre opuscoli informativi sulla possibilità di richiedere, nei limiti e con le modalità previste dalla normativa statale e regionale, la sepoltura del feto o del prodotto abortivo, e sulle disposizioni applicate in mancanza di tale richiesta. L'opuscolo, insieme con la richiesta di consenso formale, è consegnato ai genitori, ai parenti o a chi per essi, al momento del ricovero presso la struttura sanitaria.

“E' un'applicazione regolamentare – ha detto Marconi - per rendere pienamente operativa una legge che consente un atto di civiltà e di umana pietà in un contesto molto delicato come è quello della mancata nascita di un concepito”. “Ritengo – ha dichiarato Leonardi – che l'avere una conoscenza appropriata su quanto prevede una legge già esistente, quale dare una degna sepoltura ad un bimbo non nato, possa essere molto importante e di aiuto in un momento molto difficile nella vita di una donna e di un genitore”.

Per la sepoltura al cimitero, inoltre, non è obbligatorio indicare sull'eventuale lapide il cognome di uno o di entrambi i genitori ma è possibile anche usare un nome di fantasia a cui, nella relativa sezione del registro cimiteriale, corrisponderà l'effettiva appartenenza anagrafica del prodotto del concepimento. In apertura dei lavori, la Commissione ha continuato con le audizioni per l'esame e la definizione della proposta di legge a iniziativa della Giunta regionale per le autorizzazioni e l'accreditamento istituzionale delle strutture e dei servizi sanitari, socio-sanitari pubblici e privati. Sono stati ascoltati il presidente del CREA – Coordinamento regionale enti accreditati della Regione Marche – Francesco Cicchi; il presidente del Coordinamento delle Comunità di accoglienza per minori della Regione Marche, Andrea Marangoni; il professor Francesco Di Stanislao del Dipartimento di Scienze Biomediche e Sanità Pubblica - Università Politecnica delle Marche; il presidente AIOP – Associazione Italiana Ospedalità Privata – Antonio Romani e il presidente ARIS – Associazione Religiosa Istituti Socio-Sanitari, Mario Ferraresi.



fabrizio volpini

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-10-2015 alle 20:43 sul giornale del 23 ottobre 2015 - 1238 letture