counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Giornata della Pace 2015, le scuole marchigiane raccontano l'accoglienza

4' di lettura
905

“Pace è Accoglienza”, è il tema del concorso rivolto alle scuole marchigiane e promosso dal Consiglio regionale delle Marche, in collaborazione con l'Ufficio scolastico regionale e l'Università per la Pace, per celebrare con la massima partecipazione della comunità marchigiana la Giornata della Pace che cade il 10 dicembre.

Lo scopo è sviluppare e favorire nei giovani una riflessione sul significato della pace attraverso l'approfondimento delle idee di accoglienza, condivisione, solidarietà, dialogo e pace nei luoghi di conflitto. Ad illustrare l'iniziativa, giovedì mattina a Palazzo delle Marche, il presidente del Consiglio regionale, Antonio Mastrovincenzo, il direttore dell'Ufficio scolastico, Maria Letizia Melina, e il presidente dell'Università per la Pace, Mario Busti.

“In un momento storico e politico in cui il nostro Paese e l'Europa si confrontano con la portata dei movimenti dei migranti e rifugiati – ha dichiarato il presidente Mastrovincenzo - è particolarmente importante richiamare i valori della pace e dell'accoglienza, nonché quelli dell'inclusione sociale e dell'integrazione, come bussola per un governo efficace di quella che è una vera e propria emergenza umanitaria. Con questa iniziativa il Consiglio regionale vuol trasmettere alla società marchigiana un preciso messaggio e intende coinvolgere i giovani intorno ai valori di solidarietà e dignità umana che ispirano la democrazia italiana e le democrazie europee”.

“Sollecitare la cultura del dialogo – ha affermato Maria Letizia Melina - è sicuramente la via privilegiata per il raggiungimento della pace. Ed è essenziale, per fare questo, puntare sulle giovani generazioni e sulla scuola, luogo deputato all’approfondimento delle tematiche dell’incontro, della solidarietà e della condivisione, per fare di esse, parafrasando Papa Francesco, altrettante 'fabbriche di pace' a fronte delle troppe fabbriche di guerra diffuse nel mondo. Sono sicura che la scuola marchigiana, già antesignana in una serie di percorsi a livello nazionale, saprà dare un contributo di creatività che sarà prezioso non solo per la comunità scolastica ma per tutta la società civile”.

“Stimolare il protagonismo giovanile su tematiche quali l'accoglienza – ha detto invece Mario Busti – è di grande rilevanza in questa fase storica. Riflettere su cosa significhi 'diversità', per indicare non solo lo straniero ma intesa nella più ampia accezione del termine, è un interrogativo di grande attualità, per questo vogliamo conoscere le risposte da parte dei giovani, con l'aiuto dei loro insegnanti”.

Cinque le categorie di concorso: scuole primarie, con un elaborato grafico a tecnica libera; scuole secondarie di primo grado, con una fotografia; scuole secondarie di secondo grado, con un articolo di giornale; licei artistici, con un cortometraggio; istituti alberghieri, con la proposta di un menù di cucina multietnica che esalti il valore del dialogo tra diverse culture attraverso il cibo.

Il concorso si articola in una fase provinciale, nella quale si determineranno i vincitori provinciali per ciascuna categoria, e in una fase regionale, fatta eccezione per i licei artistici e gli istituti alberghieri che parteciperanno solamente alla fase regionale.

Della giuria fanno parte lo stesso presidente del Consiglio regionale, il direttore dell'Ufficio scolastico regionale e il presidente dell'Università per la Pace. Inoltre, ad impreziosire l'iniziativa ci saranno quest'anno alcune personalità del mondo culturale marchigiano e nazionale che hanno già dato la propria disponibilità a far parte della giuria in qualità di esperti: il fotoreporter Ennio Brilli e Pacifico D'Ercoli (responsabile tecnico della Fototeca provinciale di Fermo), per le scuole secondarie di primo grado; il giornalista RAI Giancarlo Trapanese e Cristina Morbiducci (giornalista Ansa), per le scuole secondarie di secondo grado; Stefania Benatti (direttrice della Fondazione Marche Cinema) e Valerio Cuccaroni (organizzatore della rassegna Corto Dorico), per i licei artistici; gli chef rinomati a livello nazionale, Errico Recanati e Marco Passini, per gli istituti alberghieri.

Le adesioni delle scuole dovranno pervenire entro il 15 ottobre 2015, mentre gli elaborati entro il 20 novembre 2015.

Per quel che riguarda i premi il bando ha previsto: alle scuole primarie euro 500; alle scuole secondarie di primo grado euro 500; alle scuole secondarie di secondo grado euro 600; istituti alberghieri euro 700; licei artistici euro 700.

Le premiazioni si svolgeranno ad Ancona, alla Mole Vanvitelliana, nella settimana dall'11 al 18 dicembre.

(Il bando di concorso è visionabile su www.consiglio.marche.it)



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-10-2015 alle 13:00 sul giornale del 02 ottobre 2015 - 905 letture