counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Cgil, Cisl, Uil Marche sostengono la campagna 'Stop false cooperative', raccolta firma in 43 comuni marchigiani

1' di lettura
825

firma generica

I sindacati confederali delle Marche sostengono l’iniziativa di Agci, Confcooperative e Legacoop che stanno raccogliendo le firme per la richiesta al Parlamento di una legge per contrastare il fenomeno delle false cooperative.

Anche i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil delle Marche hanno sottoscritto la proposta con cui l'Alleanza delle Cooperative Italiane, il coordinamento composto da Agci, Confcooperative, Legacoop, chiede al Parlamento di approvare una legge con misure più severe per contrastare il fenomeno delle false cooperative, che utilizzano strumentalmente la forma giuridica della cooperazione per perseguire finalità estranee a quelle mutualistiche. Imprese che, partecipando ad appalti pubblici con il massimo ribasso, spesso non applicano regolarmente i contratti di lavoro e non garantiscono il giusto salario ai lavoratori.

“Come sindacati condividiamo gli obiettivi della campagna “Stop false cooperative” e invitiamo i nostri iscritti a sottoscrivere la proposta di legge - sostengono i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil delle Marche - condividendo l'impegno della cooperazione a favore della trasparenza, della legalità e della necessità di mettere ancora di più al centro dell'impresa i lavoratori e i soci”. “Siamo molto soddisfatti della partecipazione dei sindacati marchigiani alla nostra campagna – commentano Agci, Confcooperative e Legacoop Marche –, che sottolinea la condivisione e il rispetto dei valori propri della nostra cooperazione e un sostegno politico alla nostra iniziativa”.

Alla campagna, che a livello nazionale prevede un obiettivo di 50 mila firme da raccogliere entro il 30 settembre, nelle Marche hanno finora aderito più di 3 mila persone. Fino alla fine del mese si può firmare in 43 Comuni marchigiani.



firma generica

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-09-2015 alle 15:01 sul giornale del 29 settembre 2015 - 825 letture