counter

Il Consorzio di Bonifica si presenta alle Commissioni Lavori pubblici e Ambiente del Comune di Pesaro

Il Consorzio di Bonifica si presenta alle Commissioni Lavori pubblici e Ambiente del Comune di Pesaro 3' di lettura 24/09/2015 - Fatta chiarezza sulle funzioni dell’ente e sulle polemiche per la tassa di bonifica.

Lunedì pomeriggio il presidente del Consorzio di Bonifica Claudio Netti si è ufficialmente presentato all'assessore Enzo Belloni e ai consiglieri della Commissione congiunta Lavori pubblici e Ambiente del Comune di Pesaro. E’ stata un’ottima occasione per fare chiarezza sulle funzioni dell’ente e sulle recenti polemiche legate all’emissione dei bollettini di bonifica. Netti ha illustrato le tante attività di cui si occupa il Consorzio e ha sottolineato una grande novità: “Il Consorzio è come un condominio – ha dichiarato il presidente - e il 40% dei suoi soci è rappresentato dai Comuni. La struttura però ha perso i caratteri di ente pubblico per prendere quelli di azienda. Non perché il pubblico sia negativo in sé – ha puntualizzato Netti - ma perché certi servizi vanno organizzati in una logica industriale”.

COSA FA IL CONSORZIO. Il presidente ha ricordato che il Consorzio si sostiene con l'esercizio di 5 dighe, da cui produce energia idroelettrica, e ne dà in gestione altre, per un totale di 40 milioni di Kwatt l’anno. E’ il principale distributore d'acqua per il servizio irriguo, e l’irrigazione collettiva è importantissima per non intaccare la falda. Naturalmente l’Ente si occupa anche di bonifica del territorio, ed è capace di intercettare risorse dal Mipaaf e dal Psr per interventi legati all’ idraulicità e dissesto. Netti ha anche ricordato l’importanza della grande opera irrigua che sta per essere ultimata lungo la valle del Foglia e ha ribadito l’intenzione di ragionare in modo complessivo per la salvaguardia del fiume e dei territori circostanti.

I BOLLETTINI. Naturalmente non sono mancate domande sul recente arrivo dei contestati bollettini della tassa di bonifica. Il presidente non si è sottratto ed ha spiegato come funziona la “contribuenza” e come vengono utilizzati i soldi pagati dai cittadini. “Il bollettino non è altro che la contropartita per un servizio che il Consorzio offre al privato per la manutenzione del suo suolo – ha detto -. E sarebbe ingiusto che ricadesse nella fiscalità generale. E’ come se si chiedesse al Comune di pagare per ripitturare le persiane di un palazzo, sottraendo così importanti risorse agli asili pubblici. In ogni caso i soldi pagati dai contribuenti sono andati tutti per interventi sul territorio, non un centesimo è finito in indennità di carica”.

LA DIGA DI MERCATALE E IL FOGLIA. Incalzato dai consiglieri ha spiegato gli interventi del Consorzio sono legati alle segnalazioni dei cittadini, che non devono fare altro che chiamare il call center ormai operativo da mesi. “Il Consorzio è un’azienda in attivo che investe i suoi utili sul territorio” ha puntualizzato Netti, che su domanda di un consigliere, ha poi chiarito come funziona l’apertura delle paratie della diga di Mercatale e l'attività svolta durante le forti piogge. L’appuntamento è stato per tutti un utile momento di confronto e approfondimento a cui ne seguiranno altri per illustrare nel dettaglio i prossimi interventi del Consorzio sul territorio pesarese.


   

da Consorzio di Bonifica delle Marche





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-09-2015 alle 19:42 sul giornale del 25 settembre 2015 - 654 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, Comune di Pesaro, consorzio di bonifica, Consorzio di Bonifica delle Marche, bonifica fiumi, Commissioni Lavori pubblici e Ambiente

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/aou9