counter

Ancona: annuncia il suo suicidio per sms ad una parente, 46enne anconetano salvato dalla polizia

Polizia di notte 1' di lettura 24/09/2015 - Barricato in casa, manda un sms sconvolgente ad una familiare. Le confessa di volersi togliere la vita. La richiesta di aiuto fa scattare le sirene delle Volanti. Si presentano nell'abitazione dell'uomo, alle Grazie, mercoledì sera poco prima della mezzanotte e bussando ricevono una flebile risposta.

I poliziotti hanno dovuto intessere una lunga conversazione con l’uomo che continuava a ripetere di non avere più voglia di vivere e di essere stanco di lottare ogni giorno, soprattutto a seguito di una separazione coniugale. Gli agenti hanno però insistito nella loro opera di convincimento, fino a quando l’uomo, sentendosi compreso e rassicurato, ha deciso di aprire la porta per farli entrare. L’interno della casa era completamente al buio e sul tavolo della cucina, illuminato solo da una piccola torcia tascabile, si trovavano sparpagliate varie confezioni di tranquillanti ed antidepressivi nonché alcool etilico, un grosso taglierino e un accendino.Dopo averlo messo in sicurezza, l’uomo, un 46enne anconetano, è stato affidato alle cure specialistiche degli operatori del 118.


   

di Enrico Fede
redazione@vivereancona.it

 





Questo è un articolo pubblicato il 24-09-2015 alle 17:08 sul giornale del 25 settembre 2015 - 997 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, tentato suicidio, le grazie, Volanti della Questura di Ancona, articolo, Enrico Fede

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/aovS





logoEV
logoEV