counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

I consiglieri regionali Biancani e Traversini incontrano il presidente del Consorzio di Bonifica Netti

3' di lettura
589

Consigliere regionale Pd, Andrea Biancani

I consiglieri regionali Biancani e Traversini incontrano il presidente del Consorzio di Bonifica Netti per fare chiarezza sulla reintroduzione della tassa di bonifica. Mercoledì nuova audizione in Commissione.

DOPO le polemiche divampate per la reintroduzione della tassa di bonifica, i consiglieri Andrea Biancani (presidente della Commissione Governo del territorio, Ambiente e Paesaggio ) e Gino Traversini (presidente della Commissione Sviluppo economico) hanno incontrato il presidente del Consorzio di Bonifica delle Marche, Claudio Netti. Mercoledì infatti, si riunirà una nuova Commissione con l’obiettivo di fare chiarezza sulla necessità o meno di riportare in vita una vecchia imposta, sull’utilità della stessa e su come vengono utilizzati i soldi dei contribuenti. I rappresentanti dei cittadini hanno discusso a lungo e, in previsione dell’appuntamento di domani, si sono fatti spiegare nel dettaglio i meandri del bilancio e i tanti lavori che l’ente sta svolgendo per la manutenzione del territorio, contro il famigerato dissesto idrogeologico.

Dottor Biancani, cosa avete chiarito nell’incontro? “Innanzitutto ci è stato dimostrato che, contrariamente alle polemiche, non è vero che i soldi dei contribuenti vengono utilizzati per ripianare i debiti dei precedenti carrozzoni. Si è chiarito che vengono impiegati per gli interventi, come già ribadito anche dall’assessore Casini durante una risposta in consiglio regionale”.

E questo come si può dimostrare? “Basta consultare il bilancio dell’ente. Inoltre l’avvocato Netti ci ha illustrato i tanti interventi di manutenzione partiti sul territorio marchigiano, per cui il Consorzio ha anticipato le spese. Spese che ora conta di recuperare proprio attraverso la tassa” .

Cosa risponde a chi ritiene ingiusto pagare il contributo perché non riceve un’utilità diretta dai servizi forniti dal Consorzio? “Che noi viviamo in un grande condominio, e ognuno deve fare la sua parte”.

Si spieghi meglio.. “Se un proprietario ha un terreno, deve fare in modo che l’acqua che cade sui suoi campi non danneggi chi sta a valle. Gli interventi che fa il Consorzio servono ad evitare che si verifichino inondazioni e smottamenti anche a causa degli scoli di chi sta a monte. Per questo tutti devono contribuire”.

C’è chi considera il Consorzio di Bonifica l’ennesimo carrozzone. Lei cosa ne pensa? “Che non è così. In un territorio fragile come il nostro, non ci si può solo affidare alla buona volontà delle persone. Occorre un ente sovrastante, costituito da proprietari, che sappia applicare il bene comune. E il nuovo Consorzio di Bonifica sta dimostrando che è così. Del resto la tutela dell'ambiente e il dissesto idrogeologico sono tematiche strategiche che occorre affrontare con serietà”.

In che modo? “Nell’ultimo anno sono stati tanti gli interventi del Consorzio (a Villa Fastiggi, Cattabrighe, Colombarone e così via), che hanno permesso la pulizia di fossi che altrimenti il Comune o la Provincia, con le risorse disponibili, non avrebbero mai potuto fare. Interventi molto apprezzati dai cittadini”.

All'incontro era presente anche il consigliere Traversini.

Cosa pensa delle polemiche? “Penso che il presidente Netti stia facendo un ottimo lavoro, e sta rivoluzionando l’ente”.

Ma lei non era contrario al Consorzio? “Vengo da una esperienza di sindaco di 14 anni, in cui ho partecipato alla raccolta di firme per chiudere il Consorzio di Bonifica. Però si è visto che è impossibile, del resto è stato introdotto da una legge nazionale, dunque si tratta di farlo lavorare bene. In altre Regioni funziona a pieno ritmo, come in Romagna. Ora nelle Marche sta lavorando bene, con tantissimi cantieri aperti per sistemare il reticolo idraulico, per questo può nuovamente chiedere il contributo”.

Cosa farà dunque la sua commissione? “La nostra competenza è capire se sia giusto chiedere soldi ai cittadini e valutare se vengono totalmente investiti sul territorio. Per questo domani riuniremo la commissione, e parteciperà anche Netti che darà tutte le spiegazioni del caso”.



Consigliere regionale Pd, Andrea Biancani

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-09-2015 alle 15:33 sul giornale del 23 settembre 2015 - 589 letture