counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Economia blu: Bora ha incontrato Castiglione, “Chieste misure compensative per i pescatori della fossa di pomo”

1' di lettura
1490

L’assessora regionale alla Pesca, Manuela Bora, ha incontrato, nei giorni scorsi, a Roma, il sottosegretario alla Pesca, on. Giuseppe Castiglione, per discutere dei problemi che affliggono l’economia blu.

In particolare, si è discusso del fermo pesca 2015 e dell'interdizione, per la durata di un anno, dell’area di pesca denominata fossa di pomo in virtù di un accordo intervenuto a livello intergovernativo tra Italia e Croazia.

La “fossa di pomo” si estende in acque internazionali e, in parte, croate. È situata a largo di Pescara, ed è nota ai pescatori dell’Adriatico - in particolare a quelli sambenedettesi e abruzzesi - per la presenza di naselli e scampi che, abbondanti nell’area, si irradiano nelle vicinanze. Pur riconoscendo la validità scientifica di un’azione tendente a sperimentare la chiusura alla pesca di un’area di riproduzione di specie ittiche pregiate, l’assessora Bora ha manifestato la necessità di prevedere - a carico del Governo - misure compensative simili a quelle già adottate in favore dei pescatori che aderiscono al fermo biologico, affinché i pescatori marchigiani, che abitualmente pescano nell’area di pomo, possano godere di un sostegno dall’Europa.

Su questo aspetto c’è una visione univoca con la vicina regione Abruzzo. L’on. Castiglione ha rassicurato l’assessora Bora sul fatto che la sperimentazione è stata avviata in un contesto internazionale e che, tuttavia, riconoscendo le difficoltà delle imprese di pesca, darà mandato ai suoi Uffici di valutare l'opportunità di studiare misure di aiuto per i pescatori interessati. Sul tema del fermo biologico 2015 sono state date garanzie sul fatto che il pagamento del premio ai pescatori avverrà in tempi più brevi che in passato.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-09-2015 alle 20:38 sul giornale del 23 settembre 2015 - 1490 letture