Jesi: CNH, concluse le trattative tra sindacati, regione e P&P 'Scongiurati i 9 licenziamenti'

Cnh trattori 1' di lettura 09/09/2015 - Si chiude positivamente l'incontro presso la sede della Regione Marche, tra la P&P Facility Management S.p.A e le OO.SS. Filt Cgil,Fit Cisl e Uilm Uil, riguardo la procedura di mobilità per 9 lavoratori aperta dalla stessa azienda che opera nei servizi della logistica integrata collaterale all'attività produttiva presso lo stabilimento della CNH di Jesi.



Il perdurare della crisi del mercato agricolo che ha portato una notevole riduzione dei volumi produttivi nello stabilimento di Jesi,è stata monitorata in questi mesi con l'utilizzo degli ammortizzatori sociali,i quali però non hanno risolto del tutto la crisi aziendale,portandola purtroppo ad una natura strutturale e non più congiunturale,che ha costretto l'azienda a dichiarare un esubero di 9 lavoratori.

Dopo ampie e intense trattative e svariate assemblee con i lavoratori, il 3 settembre 2015 si è chiusa la partita molto delicata, con un accordo in sede Regionale, il quale prevede la trasformazione per un arco temporale di 12 mesi del rapporto di lavoro dei 58 dipendenti, da full-time a part-time(35 ore settimanali).

Vogliamo evidenziare come i delegati, i lavoratori e tutte le parti coinvolte nella trattativa,abbiano dimostrato un grosso senso di responsabilità e solidarietà per la salvaguardia dei posti di lavoro,rinunciando ognuno ad un pezzetto della loro retribuzione.
Data l'importanza e la strategicità del sito di Jesi, in quanto l'unico plant aziendale della regione Marche,sensibilizziamo la stessa Regione ad una politica attiva a sostegno del territorio,anche quello della Vallesina che ha risentito negli anni la pesantezza della crisi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-09-2015 alle 19:29 sul giornale del 10 settembre 2015 - 585 letture

In questo articolo si parla di lavoro, regione marche, cgil, cisl, jesi, uil, fiat, licenziamenti, trattative, CNH