counter

Fabriano: ragazzi navigano su siti hard e finiscono in una 'trappola' a sfondo sessuale

prostituzione su internet 1' di lettura 24/07/2015 - Navigano per gioco in alcuni siti hard ma, ad un certo punto, vengono contattati da alcune ragazze molto avvenenti tramite webcam che chiedono loro di masturbarsi.

Inizia così il racconto di alcuni ragazzi, di età compresa tra i 30 ed i 40 anni residenti nel comprensorio fabrianese, che in occasioni diverse si sono rivolti al Commissariato di Fabriano per denunciare una tentata estorsione.

Infatti, sempre secondo quanto raccontato dai giovani agli uomini diretti dal vice questore aggiunto Mario Russo, dopo pochi minuti le donne avrebbero comunicato loro di averli registrati durante l’atto e che, se non avessero versato subito 1000 euro su una carta ricaricabile, i video sarebbero stati messi in rete.

Nonostante i ragazzi hanno versato la cifra richiesta, in un caso, hanno avuto il sospetto che il video sia finito, per alcuni minuti, in rete generando imbarazzo, disagio e rabbia.

Pertanto i giovani si sono rivolti al Commissariato che, dai primi accertamenti, ha appurato che il server usato dalle ragazze per la connessione si trova in Inghilterra e in Africa.

Le indagini sull’accaduto proseguono ma, intanto, il Vice Questore invita a non lasciarsi prendere in giro da chi, da dietro un sito, escogita di tutto pur di ingannare e truffare un altro, e contattare le forze dell’ordine per segnalare ogni episodio sospetto.






Questo è un articolo pubblicato il 24-07-2015 alle 23:45 sul giornale del 25 luglio 2015 - 1696 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, prostituzione, internet, fabriano, sesso, Sudani Alice Scarpini, web, commissariato di fabriano, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/amqH





logoEV
logoEV