counter

Ancona: perseguita mamma e figlia del proprio condominio. Arrestato stalker 40enne

stalking 2' di lettura 24/07/2015 - Perseguitava mamma e figlia che abitano nel suo condominio ovunque e da molto tempo. Ma dopo le indagini della Squadra Mobile scattano le manette per un 40enne anconetano.

Nel tardo pomeriggio di giovedì i poliziotti della Squadra Mobile di Ancona hanno dato esecuzione ad un’Ordinanza di Custodia Cautelare da scontare in carcere a carico di un 40enne anconetano accusato di stalking nei confronti di due donne, madre e figlia, che l'uomo perseguitava da diversi anni. L'anconetano, che da tempo conosceva le due donne, aveva più volte molestato e i minacciato le due fino ad esaperarle portandole a cambiare le abitudini di vita per timore della loro incolumità.

I fatti. All’inizio del 2010, l’uomo incontrava prima la mamma all’uscita dell’Auchan e dopo averla bloccata per i polsi cercava ironicamente di tranquillizzarla ripetendogli “io non sono una persona cattiva, tu devi capire, io non sono una persona cattiva”.

Nel settembre 2014, poi, lo stalker non si dava per vinto e rintracciava madre e figlia all’interno di un bar ad Ancona. Qui, l’uomo afferrava una delle vittime per le spalle e cominciava ad importunarla sussurrandole all'orecchio frani oscene a sfondo sessuale. La donna riusciva a liberarsi dalla presa solo con la forza, dopodichè si allontanava con la figlia. Nonostante tutto lo stalker continuava a seguirle costringendole a trovare rifugio in un vicino supemercato.

Nè mancava di entrare all'interno negli stessi negozi frequentati dalle due donne nel centro cittadino dove erano state viste entrare dallo stalker. Anche in queste occasioni venivano afferrate e insultate a vario titolo. Alla fine di maggio la mamma dell’altra vittima veniva raggiunta in via Bocconi dallo stalker e picchiata brutalmente, dapprima con uno zaino indossato dall’uomo, dopodichè presa a calci e pugni al ventre e alla nuca con tanto di insulti di ogni genere.

E' grazie all’attività di indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica nella persona di Mariangela Farneti, si è tradotta nell’emissione del provvedimento di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, convalidata dal Gip Antonella Marrone, dove attualmente l’autore dei reati si trova. L’uomo, già conosciuto dal personale della Squadra Mobile, era già stato denunciato e arrestato per stalking, questa volta nei confronti di persone del proprio condominio di Ancona dove vive.






Questo è un articolo pubblicato il 24-07-2015 alle 17:39 sul giornale del 25 luglio 2015 - 1042 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, ancona, vivere ancona, stalking, laura rotoloni, vivereancona.it, redazione@vivereancona.it, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ampw





logoEV
logoEV