counter

Jesi: area ex Sadam, proposto polo tecnologico per agroalimentare. Cisl: 'Futuro possibile per tutta la Vallesina'

Lo zuccherificio Sadam di Jesi 1' di lettura 06/07/2015 - Presente all’Open Innovation Contest anche la Cisl di Jesi. L’iniziativa, che si è svolta lo scorso 3 luglio, è stata promossa dal Gruppo Maccaferri insieme a Confindustria Ancona, Università Politecnica delle Marche e Comune di Jesi, per la riqualificazione dell’area ex Sadam di Jesi.

Cinque gruppi di studio - attraverso l’incubatore JCube - hanno disegnato il futuro dell’area ex Sadam e di tutta Vallesina. Scelto, dal comitato territoriale costituito appositamente, un progetto per la realizzazione di un polo tecnologico e ricerca a servizio dell’agroalimentare marchigiano.

"Senza dubbio è una grande opportunità per il territorio, che sta guardando al futuro cercando di sviluppare una grande potenzialità delle nostre Marche. – ha commentato Maurizio Andreolini responsabile della Cisl di Jesi - Ora il compito di tutti, compresa la Regione, è continuare a seguire il percorso affinché nel più breve tempo possibile il lavoro di ricerca si traduca in esperienze concrete per essere volano di sviluppo e occupazione sostenibile nel tempo. – conclude Andreolini - Per questo anche la Cisl si è impegnata, responsabilmente, a dare il proprio contributo in termini di idee oltre a dare sostegno al progetto e allo stesso incubatore".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-07-2015 alle 16:38 sul giornale del 07 luglio 2015 - 1089 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, riconversione, polo tecnologico, cisl marche, area ex sadam, settore agroalimentare

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/alzu





logoEV
logoEV