counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Carceri: il Garante dei detenuti Tanoni lancia un nuovo allarme

2' di lettura
780

carcere|

L'Ombudsman Italo Tanoni, Garante regionale dei diritti dei detenuti, interviene nuovamente sullo stato delle carceri marchigiane, rinnovando al Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria l'appello a intervenire in alcune realtà.

"La casa circondariale di Montacuto, un tempo gravata da un pesante sovraffollamento, arrivando a ospitare fino a 400 detenuti, oggi è sottoutilizzata, con 155 ristretti - spiega Tanoni - Nonostante i numerosi appelli rivolti al Ministero della giustizia, a tutt'oggi sono ancora chiuse due sezioni completamente ristrutturate, ma non ancora consegnate all'amministrazione penitenziaria. Questa situazione nei giorni scorsi si è aggravata per la chiusura di un ulteriore padiglione carcerario, a causa di infiltrazioni d'acqua".

Tutto ciò ha reso necessario negli ultimi mesi il trasferimento di detenuti in diverse realtà penitenziarie, "sovraccaricando altri istituti - sottolinea Tanoni - in primis Pesaro-Villa Fastiggi e Ancona-Barcaglione, dove sono stato in visita pochi giorni fa". Il Garante definisce questa situazione "opposta al nuovo modello di sistema carcerario proposto dal Ministro Orlando in occasione degli Stati generali delle carceri, che prevede pene severe per chi si macchia di reati pesanti come omicidio, rapina a mano armata, mafia, e sistema a vigilanza dinamica attenuata per i reati minori".

"Questa strategia viene radicalmente modificata quando, per problemi di emergenza come quello della chiusura delle celle di Montacuto, detenuti sottoposti a sistema di alta sorveglianza sono trasferiti in istituzioni penitenziarie come Barcaglione, dove transitano solo i ristretti fine pena sottoposti a trattamento attenuato. Il risultato è che oggi a Barcaglione, fiore all'occhiello del sistema di vigilanza dinamica, si trovano ben 126 reclusi, con sovraccarico di impegno per la polizia penitenziaria presente, fortemente sottodimensionata rispetto al modello operativo necessario per soggetti che hanno compiuto reati più gravi".



carcere|

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-06-2015 alle 18:01 sul giornale del 24 giugno 2015 - 780 letture