counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Doppia operazione Mobile-Volanti: denunciati due rom per pestaggio e manette ai polsi per un pusher

2' di lettura
1268

Virgilio Russo e Franco Pechini, Mobile e Volanti

La collaborazione tra Squadra Mobile e Volanti di Ancona porta all'individuazione e alla denuncia dei due minorenni che venerdì pomeriggio hanno pestato un ragazzo anconetano mentre cercava di salire sull'autobus. Nella mattinata di sabato sono anche arrivati ad arrestare un trafficante di cocaina.

Doppia operazione delle Volanti e della Squadra Mobile ad Ancona. Scoperti i due aggressori che venerdì pomeriggio hanno pestato a sangue un 29enne anconetano alla fermata degli autobus in piazza Ugo Bassi. Dopo lunghe ore di indagini, gli uomini guidati da Cinzia Nicolini e Virgilio Russo, sono riusciti ad identificare la coppia: sono una donna e un uomo, entrambi minorenni italiani di etnia rom. Per entrambi scatterà una denuncia per minacce e lesioni personale. Per l’iter investigativo, fondamentale il racconto del ragazzo pestato. Sarebbe stato picchiato perché, dopo aver aiutato una vecchietta a salire su un bus, si era messo a correre tra la folla del terminal per raggiungere il suo. Nel farlo, avrebbe urtato la spalla di una ragazza, scatenando l’ira del fidanzatino. Prima sarebbe nata una lite verbale, poi il rom ha iniziato a colpire con calci e pugni il 29enne. Dopo il pestaggio, la fuga della giovane coppia. L’anconetano è dovuto ricorrere alla cure del pronto soccorso. La prognosi è di dieci giorni. Nella colluttazione ha riportato lesioni all’occhio e al timpano sinistri.

Collaborazione della Mobile con la Squadra Volante anche per un’operazione che ha portato all’arresto di un cittadino domenicano trentatreenne (J. R.) trovato in possesso di circa mezzo chilo di cocaina. Sabato mattina, l’uomo è stato bloccato nei pressi del Piano per un controllo documenti. Gli agenti, dopo aver riscontrato la falsità della carta di identità e insospettiti dalla cosa, hanno provveduto ad una perquisizione domiciliare. In casa dell’uomo, sono stati ritrovati 38 ovuli di cocaina purissima nascosti in un sacchetto all’interno di un armadio. Il sospetto degli inquirenti è che il presunto pusher sia uno dei trafficanti più attivi sul territorio. Infatti, gli ovuli erano confezionati in maniera tale da poter essere ingeriti senza causare danni al corriere. Il quantitativo trovato e sequestrato era probabilmente destinato a raggiungere per la stagione estiva tutta la riviera adriatica. L’uomo, già arrestato nell’ascolano per lo stesso motivo, è stato condotto al carcere di Montacuto. Lunedì, la convalida dell’arresto davanti al gip.

Nelle foto sotto gli ovuli rinvenuti dalla Polizia dorica nell'abitazione del pusher. (Clicca sulle immagini per ingrandire ndr)





Virgilio Russo e Franco Pechini, Mobile e Volanti

Questo è un articolo pubblicato il 20-06-2015 alle 14:08 sul giornale del 22 giugno 2015 - 1268 letture