counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Maiolati: discarica di Moie, Fp Cgil e Uil trasporti sull'ampliamento

2' di lettura
871

Discarica di Moie

In merito alle ultime polemiche sull’allargamento della discarica di Moie di Maiolati, gestita dalla società pubblica Sogenus, vogliamo porre all’attenzione dell’opinione pubblica alcune nostre riflessioni, senza però entrare nel merito della polemica politica tra Comuni.

Innanzitutto non si comprende la natura delle polemiche, dato che del progetto di ampliamento della discarica, essendo gestita da una società pubblica con i soci gli stessi comuni che oggi contestano, tutti sapevano tutto e quindi anche i particolari del progetto stesso. Perciò perché solo ora un progetto prima condiviso oggi viene contestato da alcuni comuni soci?

A nostro avviso riscontriamo che prese di posizione avventate corrono il rischio di mettere in seria difficoltà la sopravvivenza stessa della discarica per rifiuti speciali che, da sempre, ha rispettato e rispetta la strettissima normativa antinquinamento, oltre a rappresentare, non lo dobbiamo dimenticare, una opportunità importante di lavoro per i comuni della zona.

Il venir meno delle prerogative atte all’allargamento della discarica produrrebbe l’effetto di ulteriore perdita di occupazione, in una zona del territorio provinciale che già è stata duramente colpita dalla crisi; attualmente infatti questa da occupazione a circa quaranta persone. La gestione di una discarica “post mortem”, e cioè chiusa, necessiterebbe solamente di una/due persone.

Inoltre, la chiusura anticipata, se non vi fosse l’ampliamento, avrebbe come conseguenza un pesante aumento delle tariffe a carico dei cittadini, in quanto, si avrebbe la necessità di portare fuori regione i rifiuti prodotti, con un aggravio evidente dei costi di trasporto.

Infine, si metterebbe a rischio l’esistenza di una società pubblica sana, che fa utili, e che garantisce al territorio e ai comuni limitrofi una serie di servizi a basso costo; per non parlare poi dell’indotto costituito dalle aziende limitrofe.

La discarica offre un servizio prezioso per le aziende marchigiane e per il tessuto produttivo che ne consegue: diversamente queste aziende sarebbero costrette a rivolgersi altrove, con un aggravio di costi che potrebbe avere ripercussioni negative sulla tenuta stessa di certe aziende e quindi con tutti i rischi conseguenti sull’occupazione.

Vale la pena allora continuare con polemiche sterili oppure è meglio confrontarsi con un po’ di buon senso?



Discarica di Moie

Questo è un articolo pubblicato il 10-06-2015 alle 14:35 sul giornale del 11 giugno 2015 - 871 letture