counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Ancona: svaligiano 5 negozi, ma la fuga alla “Bonnie e Clyde” finisce alla galleria dorica

2' di lettura
961

volanti

Svaligiano 5 negozi in pieno centro, ma la fuga alla “Bonnie e Clyde” finisce alla galleria dorica grazie all'arrivo degli agenti. I furbetti per depistare gli investigatori avevano persino fatto ricorso al cambio d'abito.

Avevano messo a punto cinque furti ai danni di esercizi commerciali del capoluogo dorico, ma alla fine sono finiti in manette, grazie alle Volanti dirette dal Vice Questore Aggiunto Cinzia Nicolini, una coppia italiana residente nella provincia di Ancona. Erano circa le 14 del pomeriggio di martedì quando è scattato l’allarme al 113. E' così che le Volanti della Questura si portavano nel centro cittadino dove erano stati segnalati una serie di furti perpetrati in corso Garibaldi, piazza Roma, corso Mazzini, e corso Amendola, ad opera di due persone.

La descrizione dei titolari dei negozi svaligiati rilasciata all Sala Operativa, inoltre, coincidevano tutte apparentemente con le stesse persone: sia la descrizione fisica che il modus operandi. Una donna di circa 30 anni che entrava nel negozio, ben vestita e che si aggirava nei vari scomparti per poi allontanarsi, senza fare acquisti, facendo una strana manovra con la sua borsa mentre si accingeva a oltrepassare le barriere antitaccheggio. Di fuori ad aspettarla sempre un uomo di mezza età, con un vistoso trolley, il quale travasava velocemente il contenuto della borsetta nella valigia per poi dileguarsi, tutte e due, insieme, tra i vicoli della città, facendo perdere le proprie tracce. La fuga dei due moderni e nostrani “Bonnie e Clyde” è finita all’interno della galleria dorica di corso Garibaldi quando le “Pantere” hanno individuato e bloccato i due ladri, mentre cercavano furtivamente di cambiarsi gli abiti, sicuramente un modo fantasioso messo in atto con la speranza di depistare la Polizia.

Accompagnati presso gli Uffici della Questura venivano entrambi foto segnalati e identificati: la donna, classe 1988 e l’uomo del 1962, entrambi conosciuti alle forze dell’ordine per i reati contro il patrimonio e per i reati in materia di sostanze stupefacenti. Interrogati poi confessavano i furti perpetrati ai danni degli esercizi commerciali. All’interno del trolley i poliziotti rinvenivano numerosi prodotti di profumeria: creme e profumi uomo/donna di note marche di stilisti italiani, prodotti per l’igiene personale, abbigliamento griffato, e calzature per bambini, tutta merce facilmente ricettabile al mercato nero. Dopo le formalità di rito i due venivano tratti in arresto per il reato di furto aggravato continuato in concorso.



volanti

Questo è un articolo pubblicato il 10-06-2015 alle 12:59 sul giornale del 11 giugno 2015 - 961 letture