Pesaro: reti pericolose per i bagnanti, pescatore multato di 4mila euro

Le reti da pesca sequestrate 1' di lettura 27/05/2015 - Il personale militare in servizio presso la Capitaneria di Porto di Pesaro, ha sorpreso un’unità da pesca professionale intenta a salpare alcune reti da pesca risultate non conformi alla normativa vigente.

Le reti erano posizionate in zona non consentita per la sicurezza dei bagnanti, ed erano state segnalate in modo difforme dalla normativa vigente (che prevede galleggianti di colore giallo con bandiere di giorno e luci di notte riportante l’indicazione del peschereccio) bensì con dispositivi fortuiti costruiti artigianalmente e costituenti un serio pericolo per la balneazione.

Al pescatore, oltre al sequestro di circa 200 metri di rete da pesca, è stata comminata una sanzione amministrativa di 4.000 euro. In fase di rientro della pattuglia in Capitaneria, un’altra rete da pesca è stata ritrovata sotto un pattino situato sulla spiaggia libera in località Fosso Sejore e posta analogamente sotto sequestro.

La Guardia Costiera di Pesaro continuerà a vigilare, come di consueto, intensificando l’attività in previsione della stagione estiva, sulle attività a qualsiasi titolo svolte in mare, al fine di tutelare la sicurezza della vita umana in mare, la salvaguardia dell’ambiente marino e costiero, ed a garantire il rispetto delle norme vigenti per lo svolgimento delle molteplici attività che si svolgono in mare.






Questo è un articolo pubblicato il 27-05-2015 alle 14:05 sul giornale del 28 maggio 2015 - 598 letture

In questo articolo si parla di cronaca, pesaro, rossano mazzoli, articolo