counter

Il Piemonte destina 50 milioni di euro contro il dissesto idrogeologico. E le Marche stanno a guardare...

Consorzio di Bonifica delle Marche 2' di lettura 08/05/2015 - Soldi ricavati dalla tariffa dell'acqua. Per il Piemonte "un modello da estendere in tutta Italia". Nelle Marche contestato e osteggiato.

Destinare nella tariffa dell’acqua che i cittadini pagano, una quota per la prevenzione del dissesto idrogeologico e per la tutela delle fonti idriche. Accade già in Piemonte, che in questo modo ha ottenuto 50 milioni di euro da investire nelle aree montane. Con questo modello i piemontesi si candidano ad essere un esempio in tutt’Italia. In realtà però, questo meccanismo esiste già anche nelle Marche, solo che il provvedimento adottato da noi ha scatenato mille polemiche, e fronti di ribellione. Il modello è stato contestato anche dalle Aato, che non ne hanno intuito le grandi potenzialità.

Nel corso degli Stati Generali sul dissesto idrogeologico che si sono tenuti recentemente in Piemonte infatti, il presidente Uncem Piemonte, Lido Riba, si è vantato di rappresentare l’unica regione italiana che ha previsto già dal 1997 (nella Legge regionale 13) che una percentuale della tariffa idrica venga destinata alla montagna per la prevenzione delle fonti idriche.

“E’ l’unica forma di pagamento dei servizi ecosistemici e ambientali che esiste nel Paese” ha detto Riba. “In realtà non è così – puntualizza l’amministratore del Consorzio di Bonifica delle Marche, Claudio Netti – anche nella nostra Regione la Legge ha previsto questo meccanismo, ma da noi, anziché vantarsi per il provvedimento che permetterebbe di destinare molti milioni di euro alla prevenzione del dissesto, alla tutela delle fonti idriche e alle manutenzioni ordinarie e straordinarie, beh da noi lo si contesta, e si fa opposizione. Così accade che il Piemonte ora abbia 50 milioni di euro da spendere nelle aree montane, mentre le Marche stanno a guardare”.


da Consorzio di Bonifica delle Marche





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-05-2015 alle 11:56 sul giornale del 09 maggio 2015 - 846 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, Consorzio di Bonifica delle Marche, bonifica fiumi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ai8S





logoEV
logoEV