counter

Terremoto in Nepal: ore di apprensione per i due anconetani dispersi

2' di lettura 26/04/2015 - Tragica la situazione in Nepal dopo il devastante terremoto che sabato ha colpito la zona di Kathmandu. Il bilancio è attualmente di 2.800 morti, ma si teme che continui a crescere nelle prossime ore.



La scossa ha provocato vittime anche in India e Bangladesh, mentre sull’Everest ha causato una valanga. Circa 300 gli italiani rintracciati dalla Farnesina tra cui due amici alpinisti di Fano, Pietro Marcucci di 49 anni, titolare di una gioielleria nel centro storico della città e Luca Cantiani di 50 anni. I due, si trovano in questo momento ai piedi dell'Everest e sono riusciti a mettersi in contatto con le famiglie. Erano partiti dieci giorni fa per il Nepal e avrebbero dovuto intraprendere la scalata della cima più alta del mondo, si trovavano però in una zona lontana da quella colpita dalla valanga. Considerata la tragedia che ha colpito il Paese, stanno preparandosi per tornare in Italia. Sembra che almeno 22 persone abbiano perso la vita sull’Everest a causa della valanga che si è staccata.

A ritrovarsi nell’inferno nepalese anche Francesco Tardella avvocato 53enne di Ancona, Claudia Greganti 38 anni, musicista e Tiziana Cimarelli di Senigallia. I tre erano in vacanza in Nepal e al momento della scossa erano a bordo di una jeep con l'autista e una guida turistica quando, sono stati travolti da una frana. Per fortuna solo tanta paura e alcune escoriazioni per i tre. Le due donne sono riuscite a far sapere tramite sms che stanno bene.

Sono ore di apprensione al contrario per due speleologi anconetani di cui non si hanno più notizie. Si tratta di Giuseppe 'Pino' Antonini di Ancona, 53 anni, direttore della Scuola forre del Soccorso alpino e tecnico di elisoccorso e del medico Gigliola Mancinelli che lavora all'ospedale cardiologico Lancisi. Antonini subito dopo la scossa era riuscito a parlare con la compagna attraverso il telefono satellitare, che poi non è più stato raggiungibile. I due erano insieme ad Oscar Piazza, del Soccorso alpino del Trentino Alto Adige e un altro ragazzo di Genova.






Questo è un articolo pubblicato il 26-04-2015 alle 22:21 sul giornale del 27 aprile 2015 - 1331 letture

In questo articolo si parla di cronaca, terremoto, redazione, nepal, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/aiB6





logoEV
logoEV