counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Tagli uffici postali: alta adesione alla manifestazione pubblica

1' di lettura
478

Manifestazione contro i tagli agli uffici postali

Auspichiamo che Poste non sottovaluti la manifestazione pubblica oggi, non solo i Sindacati di categoria, cittadini, clienti, amministratori, istituzioni, politici tutti chiedono di mantenere aperti gli uffici postali.


Ma davvero c'è qualcuno che sostiene le chiusure? L'unico atto responsabile che l'azienda può fare adesso è sospendere l’ attuazione del piano di interventi con un atto ufficiale indirizzato a tutti gli stakeholder intervenuti oggi al sit in e all' assemblea pubblica. Iniziativa riuscita: non era uno sciopero.

Oltre 100 partecipanti al sit in e molti di più all' assemblea, occasione per entrare nel merito della questione. Dal confronto fra o rappresentanti di categoria amministratori e parlamentari si è confermato il dubbio che il piano sia sbilanciato e creerà gravi disagi per i cittadini. Inaccettabili le discriminazioni anche economiche che colpiranno i cittadini dei Comuni interessati dalla riduzione che oltre alla perdita del servizio diretto dovranno pagare di più per spedire una raccomandata o un bollettino postale. Dietro alla razionalizzazione si intravedono solo perdita di occupazione.
Immediata la reazione della politica che da domani chiederà una comunicazione ufficiale a Poste Italiane perché confermi la sospensione del piano proposto per le Marche.

Al sit in e all’assemblea hanno partecipato anche i Sindaci e Vicesindaci dei Comuni di Petriano, SerraS'Abbondio, MonteMonaco, Castelbellino e Cagli , l’on. Emanuele Lodolini e per la parte sindacale i Segretari generali Cisl Cgil e Uil, Mastrovincenzo Ghiselli e Fioretti, oltre ai Segretari regionali di categoria.


ARGOMENTI

da Cisl

Manifestazione contro i tagli agli uffici postali

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-04-2015 alle 16:57 sul giornale del 03 aprile 2015 - 478 letture