Gabicce Mare: fatto brillare ordigno bellico in mare

Esplosione ordigno bellico Gabicce Mare Capitaneria di Pesaro 1' di lettura 02/04/2015 - Nella mattinata odierna si sono svolte le operazioni di bonifica dell’ordigno bellico ritrovato di fronte al litorale di Gabicce Mare lo scorso 24 marzo.

L’ordigno, esattamente un proiettile di artiglieria in dotazione alle truppe tedesche durante la seconda guerra mondiale, aveva le seguenti dimensioni: lunghezza 25 centimetri – diametro 9 centimetri ed era adagiato su un fondale di circa 3 metri a ridosso delle scogliere frangiflutti.

Il proiettile era stato segnalato alla Capitaneria di Porto pesarese da parte di un operatore subacqueo impegnato nei lavori di rifiorimento delle medesime scogliere. I Palombari della Marina Militare Italiana con il supporto delle motovedette della Guardia Costiera locale hanno identificato l’ordigno, poi trasportato al largo per farlo poi brillare in sicurezza su un fondale maggiore, mediante applicazione di una piccola carica esplosiva.

“L’operazione di bonifica – ha sottolineato il Comandante del Porto di Pesaro Capitano di Fregata (CP) Angelo CAPUZZIMATO - ha avuto esito positivo e si è conclusa nella mattinata stessa, con il rientro in porto di tutti gli uomini e mezzi della Marina Militare intervenuti. La Capitaneria di Porto mantiene sempre alta l’attenzione sulla questione degli ordigni bellici, sinora rinvenuti sporadicamente e sempre del tipo convenzionale, adoperandosi per la pronta risoluzione di ogni pericolo per la vita umana in mare”.








Questo è un articolo pubblicato il 02-04-2015 alle 17:17 sul giornale del 03 aprile 2015 - 766 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, gabicce mare, ordigno bellico, esplosione, rossano mazzoli, capitaneria di pesaro, articolo, angelo capuzzimato, Comandante del Porto di Pesaro, Capitano di Fregata





logoEV