counter

Recanati: mendicante molesto con gli anziani, scatta il blitz delle forze dell'ordine

Mendicante elemosina 1' di lettura 31/03/2015 - Pugno duro nei confronti della questua. A Recanati nell'ultimo periodo il problema si è fatto particolarmente serio malgrado l'ordinanza emessa da tempo dal Sindaco, e sono scesi in campo gli uomini della Polizia Locale con una serie di controlli mirati che hanno portato all'individuazione di un giovane di colore sul quale pendevano ben due decreti di espulsione.

Il blitz è scattato anche a seguito di alcune segnalazioni da parte di cittadini e in modo particolare degli anziani, spesso spaventati dall'insistenza e a volte dalla veemenza di coloro che chiedono qualche spicciolo. I controlli si sono concentrati sopratutto nel centro storico dove il fenomeno è maggiormente sentito.

L'uomo segnalato dai cittadini ha provato a dileguarsi non appena ha visto la pattuglia avvicinarsi, ma gli agenti sono stati pronti a bloccargli ogni via di fuga, fermandolo e portandolo negli uffici di piazza Leopardi dove gli è stata verbalizzata la violazione all'ordinanza comunale ed è stato avviato un attento esame della sua identità che ha portato a galla una situazione decisamente piu' grave individuata anche grazie all'ausilio della locale Caserma dei Carabinieri.

Si è infatti scoperto che sull'uomo pendeva già un provvedimento di espulsione notificato nel 2012 e ne aveva un secondo alle spalle. Per questo motivo è stato condotto al fotosegnalamento presso la Compagnia Carabinieri di Macerata e poi presso l'Ufficio immigrazione della Questura di Macerata. Nei suoi confronti è stato emesso il provvedimento di espulsione a firma del Questore e Prefetto del capoluogo provinciale, e dovrà lasciare il suolo italiano entro 7 giorni.






Questo è un articolo pubblicato il 31-03-2015 alle 21:11 sul giornale del 01 aprile 2015 - 1077 letture

In questo articolo si parla di cronaca, recanati, Comune di Recanati, elemosina, articolo, mendicanti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/ahvy





logoEV
logoEV