counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Fano: l'hotel Plaza taglia luce e gas, trenta profughi protestano e bloccano la strada

1' di lettura
1740

Sabato 28 marzo un gruppo di rifugiati politici ospitati nell'albergo della zona Lido ha protestato contro la sospensione delle forniture energetiche. Sul posto polizia e vigili urbani

Una trentina di profughi alloggiati nell'hotel Plaza del lido, a Fano, hanno occupato la strada bloccando il passaggio delle automobili: alcuni di loro si sono sdraiati sull'asfalto per impedire il transito delle vetture. La protesta è scattata nel momento in cui la gestione dell'albergo ha interrotto l'erogazione di luce e gas e, di conseguenza, il servizio di pranzo e cena. Il gruppo ha anche inveito contro il proprietario della struttura, tacciandolo di "cattiveria" ed "egoismo". La risposta secca: 'A gratis non si fa più niente'. Sembra infatti che il servizio debba ancora essere pagato.

Intervenuti sul posto due mezzi della polizia di stato e uno della polizia locale: le forze dell'ordine sono riuscite a convincere i protagonisti della protesta a rientrare in hotel, evitando così le tensioni che si stavano scatenando con i passanti.

Il proprietario della struttura, dopo un primo colloquio con il dirigente del commissariato di Fano, dottor Bozzi, ha riattivato le utenze: si registrano comunque danni interni.

I rappresentanti della cooperativa dichiarano che i profughi hanno tutto il diritto di protestare, poiché l'albergo è stato pagato per gennaio e per una parte di febbraio. Qui tutti gli aggiornamenti.





Questo è un articolo pubblicato il 28-03-2015 alle 13:17 sul giornale del 30 marzo 2015 - 1740 letture