counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > SPORT
articolo

Calcio, Ascoli Picchio: i bianconeri sprecano, il Teramo ringrazia

3' di lettura
841

Bellissima giornata e bellissima cornice di pubblico allo stadio Morgagni di Forlì dove va in scena la 32a giornata del Girone B di LegaPro. L'Ascoli Picchio ha solo un obiettivo: vincere e riagguantare il Teramo.

Il Forlì in classica divisa biancorossa viene dalla sconfitta con il Gubbio. Firicano schiera il 4-3-2-1 mentre mister Petrone, in piena emergenza, propone un classico 4-4-2 con Tripoli centravanti.

L'arbitro Serra della sezione di Torino da il fischio di inizio.

Partita non entusiasmante con le due formazioni che si studiano a centrocampo.

Al 25' arriva il primo giallo del match con Drudi (F). Sulla punizione conseguente Chiricò mette paura a Casadei (F) che può solo seguire con lo sguardo la sfera, che finisce sul fondo dopo una deviazione della barriera.

Al 45' GOL dell'Ascoli: Chiricò sulla sinistra salta un avversario e fa partire un bel diagonale che Casadei (F) sfiora solamente. Vantaggio per il Picchio che chiude la prima frazione di gara sopra di un gol.

Il secondo tempo inizia e subito il Forlì trova il pareggio con Docente (F) che dal limite trafigge l'incolpevole Lanni.

Passano appena 4' e Chiricò ha la palla buona per riportare in vantaggio i bianconeri ma calcia alto.

'Gol sbagliato gol subito'. La vecchia legge del calcio si ripresenta e al 56' il Forlì trova il vantaggio sempre con Docente (F) che trasforma dagli undici metri un rigore concesso dall'arbitro Serra per fallo di Avogadri .
Al 59' mister Petrone prova a dare una scossa cambiando Berettoni per Altinier.

La reazione degli ascolani però non si vede e il Forlì al 70' rischia di fare il terzo gol. I minuti passano e i bianconeri provano a far salire il baricentro esponendosi però ai contropiedi dei biancorossi.

Mustacchio all'88' ha l'occasione per il pareggio di testa ma è sfortunato e Casadei (F) para con l'aiuto del palo.

Dopo 5 minuti di recupero l'arbitro Serra decide che la gara può finire qui.

Amara trasferta per gli 800 ascolani giunti fino a Forlì per vedere una reazione del Picchio che non arriva. Ora a 6 giornate dalla fine il Teramo è avanti di 3 punti.

TABELLINO:

FORLI' (4-3-1-2): Casadei, Casini, Drudi, Catacchini, Turi, Arrigoni, Pettarin, Pastore (Fantoni), Rosafio (Fantini), Docente, Melandri. A disp.: Scotti, Capellini, Castellani, Gliozzi, Morga. All. Firicano.

ASCOLI (4-4-2): Lanni; Avogadri, Cinaglia, Mengoni, Pelagatti (Mustacchio) Nardini, Gualdi, Addae, Chiricò, Tripoli, Berrettoni (Altinier). A disp.: Ragni, Mori, Barison, Dell’Orco, Minnozzi. All: Petrone

Reti: 44′ pt Chiricò; 2′ st, 11' st Docente (F).

Arbitro: Marco Serra di Torino

Ammoniti: Drudi (F), Pastore (F), Pelagatti, Avogadri, Turi (F), Casadei (F), Tripoli, Cinaglia.





Questo è un articolo pubblicato il 29-03-2015 alle 15:11 sul giornale del 30 marzo 2015 - 841 letture