counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Grottammare: polemica tra la Boldrini e il Codacons sul suo pernottamento del 2013 in città

2' di lettura
1384

Laura Boldrini, Presidente della Camera dei Deputati

"Nessun esborso pubblico per Grottammare": il portavoce della presidente della Camera Laura Boldrini ha replicato così al Codacons, che aveva presentato un esposto al Consiglio di Giurisdizione di Montecitorio affinché fosse fatta una verifica sul soggiorno di Boldrini presso una struttura alberghiera della località marchigiana.

"Il Consiglio di Giurisdizione della Camera ha già chiarito di non aver assunto alcuna decisione sul ricorso promosso dal Codacons, come invece l'associazione ha erroneamente comunicato", ha detto il portavoce Roberto Natale. "E' utile aggiungere che, per il pernottamento della presidente Boldrini a Grottammare la sera del 7 dicembre 2013, non vi è stato alcun utilizzo di soldi pubblici, neanche in forma di anticipo".

"Per completezza di informazione", ha aggiunto Natale, "la somma di cui si parla ammonta a 150 euro. Chi vuole acquisire medaglie nella lotta 'contro l'arroganza del potere' e 'per la trasparenza' stavolta ha sbagliato indirizzo". Con una nota il Codacons ha però immediatamente ribattuto al portavoce: "L'unico errore fin qui è evidente è quello del portavoce del presidente della Camera, che forse deve imparare a leggere meglio i documenti.

Nel comunicato diffuso venerdì 23 gennaio dalla nostra associazione, infatti, non si è fatta menzione di alcuna decisione definitiva da parte della Camera, ma ci si è limitati a diffondere il testo dell'ordinanza emessa dal Consiglio di giurisdizione, definendola una vittoria per il Codacons. E il fatto che si tratti per noi di una vittoria è palese se solo si considera l'incredibile ostilità mostrata dai legali della Camera alla nostra richiesta di chiarimenti sul soggiorno della presidente Boldrini".

"Siamo felici poi di apprendere dal portavoce del presidente della Camera - prosegue la nota - che non ci sarebbe stata alcuna spesa né anticipo di soldi pubblici in relazione al soggiorno di Laura Boldrini. Di ciò eravamo più che certi, anche se non appare chiaro il motivo per cui, se i fatti si sono svolti così come dichiarato, sia stato eretto un muro contro la legittima richiesta dei cittadini di visionare la relativa documentazione. Basterebbe che la presidente della Camera o il direttore dell'hotel esibissero la fattura di quel pernottamento per essere tutti sereni e tranquilli.

Aspettiamo con fiducia", ha concluso il Codacons.



Laura Boldrini, Presidente della Camera dei Deputati

Questo è un articolo pubblicato il 23-01-2015 alle 23:28 sul giornale del 24 gennaio 2015 - 1384 letture