counter

Chiaravalle: esce con il cane ma non torna a casa, trovato nel fiume privo di vita

carabinieri 1' di lettura 17/01/2015 - Un uomo era scomparso venerdì mattina, quando era uscito con il cane per una passeggiata senza poi far rientro a casa: a denunciare la scomparsa di Primo Gigli nella mattina di sabato è stata una sua nipote, che non riusciva più a contattarlo. Solo il cane aveva fatto ritorno a casa, dell'uomo nessuna traccia.

Sabato pomeriggio, intorno alle 14:45, i Carabinieri di Chiaravalle e i volontari della Protezione Civile che lo stavano cercando da alcune ore, hanno ritrovato il corpo dell'uomo privo di vita nelle acque del Triponzio, all’altezza di via Vivaldi.

L’uomo, pensionato di 69 anni residente a Chiaravalle, giaceva privo di vita con il volto immerso nell’acqua.

L’immediata l’attivazione delle ricerche ha portato purtroppo al rinvenimento del cadavere. Da una prima ricostruzione la causa del decesso sarebbe riconducibile ad una caduta accidentale da un costone, poco distante il luogo del ritrovamento. L’Autorità Giudiziaria ha disposto l’esame autoptico sulla salma presso la medicina legale dell’ospedale Torrette di Ancona per far luce sulle cause della morte.


   

di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it





Questo è un articolo pubblicato il 17-01-2015 alle 17:36 sul giornale del 19 gennaio 2015 - 1600 letture

In questo articolo si parla di cronaca, chiaravalle, carabinieri, fiume, jesi, cadavere, cristina carnevali, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/ad9M





logoEV
logoEV