counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Bilancio 2015, protesta del Gruppo di Forza Italia in Consiglio regionale

2' di lettura
926

Umberto Trenta
Un manifesto che esprime lo sdegno più profondo verso il Bilancio di previsione 2015 della Regione, quello espresso nel manifesto che il Gruppo di Forza Italia in Consiglio regionale ha srotolato nel momento in cui è intervenuto l'Assessore Pietro Marcolini: “ Renzi e il Pd a casa. Avete prosciugato i marchigiani. Vergogna.”

Parole scritte poi esplicitate dal Capo Gruppo, Umberto Trenta, e dai Consiglieri regionali, Ottavio Brini, Giacomo Bugaro, Graziella Ciriaci, Elisabetta Foschi, Enzo Marangoni, Daniele Silvetti nei loro interventi. Tutti determinati a evidenziare le mancanze della legge finanziaria voluta a sostegno della partitocrazia e della nomenclatura del Pd.

Il Partito comunista ha perso una occasione importante e non ha interpretato questo bilancio di straordinarietà e di solidarietà a favore dei tagli orizzontali voluti da Renzi e Del Rio che hanno creato ulteriori sacche di povertà e di disagio sociale come quello riservato al personale delle Provincie.

Un Bilancio che non da risposte all'equivoco storico della Sanità pubblica e privata, non da risposte alla esigenza di infrastrutture regionali, non da risposte al turismo e alla cultura , motori di sviluppo marchigiano.

Una manovra finanziaria che ignora totalmente i problemi connessi al sistema della costa e all'indotto ambientale, turistico ed economico ad esso collegato.

Non ci sono interventi per le attività produttive che in questo momento si stanno sobbarcando l'onere pesante del sistema tributario regionale.

Una penalizzazione che non risparmia i settori del commercio, dell'artigianato, dell'assistenza sociale.

In poche parole un Bilancio che non da risposte al Sistema Marche andando a minare quel tessuto economico e sociale che alla base della coesione della comunità regionale, l'unica in grado di sostenere una società in un momento di grandissima difficoltà come quello che stiamo vivendo.



Umberto Trenta

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-12-2014 alle 16:06 sul giornale del 29 dicembre 2014 - 926 letture