counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Roma: rubò preziosi a San Benedetto e Pedaso fingendosi stilista, arrestato latitante rom pescarese

1' di lettura
1671

Nel 2010 aveva sottratto preziosi per un valore complessivo di 50.000 euro alla gioielleria Mazzocchi di San Benedetto, ed era assolutamente originale la tecnica adottata per rubare i gioielli.

L'uomo si presentava come stilista gay e raccontava le diverse fasi della sua storia sentimentale con il proprio compagno, mettendo l'accento sulle mille attenzioni che gli rivolgeva, non ultima quella di donargli gioielli e preziosi. Così riusciva a distrarre e "incantare" il gioielliere, sottraendogli monili e gioielli per svariate migliaia di euro. Il colpo veniva ripetuto con la stessa tecnica pochi giorni dopo a Pedaso, in via Leopardi, con un bottino di circa 20.000 mila euro.

Martedì 23 dicembre il responsabile è stato arrestato a Roma, nei pressi di Piazza Navona. Si tratta di Elix Lazzari, 44enne pluripregiudicato pescarese di origine rom, che deve ancora scontare una lunga pena per svariati furti e reati simili commessi negli ultimi anni in diverse città d'Italia.

Lazzari è stato individuato dai carabinieri di Penne. Al momento del fermo, ha presentato un documento falso ma i militari non si sono fatti ingannare, visto che l'uomo è ben conosciuto dalle Forze dell'Ordine per numerose rapine e furti messi a segno anche in Abruzzo; in particolare, il 13 febbraio scorso era stato sottoposto assieme ad un complice alla misura dell'obbligo di dimora a Città Sant'Angelo.

Lazzari è stato fermato mentre cercava di rivendere merce rubata (oro e monili) ad un altro soggetto, per un valore complessivo di circa 35 mila euro. La refurtiva è stata sequestrata e restituita ai legittimi proprietari. Quasi tutti i gioielli erano stati rubati nell'ultimo periodo nella zona di Barletta, in Puglia.



Questo è un articolo pubblicato il 23-12-2014 alle 21:20 sul giornale del 24 dicembre 2014 - 1671 letture