Trasporto pubblico, Regione Marche capofila del progetto europeo Rits-net per una mobilità più sostenibile

2' di lettura 04/12/2014 - Stato dell'arte sugli strumenti attuativi messi in campo da alcune Regioni italiane per migliorare i sistemi di trasporto, ma anche un appello a fronte degli investimenti considerevoli che le nuove tecnologie applicate agli spostamenti richiedono.

La Regione Marche, capofila del progetto europeo Rits-net, di cui oggi sono state presentate le conclusioni, proprio in virtù di un impegno avviato da anni per l'implementazione di soluzioni intelligenti di mobilit à , conta sui fondi strutturali della nuova programmazione 2014-2020 per completare alcuni processi gi à avviati. In particolare, sono allocati alla voce di bilancio ‘ Sostenere la transizione verso un ’ economia a basse emissioni di carbonio in tutti i settori ’ circa 65 milioni di euro, di cui oltre 25 riservati allo sviluppo di sistemi di mobilità urbana sostenibile. La gran parte, oltre 10milioni di euro, serviranno a rinnovare il parco autobus per ambito urbano del territorio.

"In un momento terribile come l'attuale - ha dichiarato Luigi Viventi, assessore regionale ai trasporti - dove si parla di tagli ulteriori ai trasferimenti statali, reso gi à difficoltoso dall'iniquo riparto del fondo nazionale trasporti che penalizza in modo pesante la Regione Marche, abbiamo approvato una legge di governance che riporta in mano all'ente regionale la programmazione del sistema . Pur nel mantenimento di cinque bacini di gestione, puntiamo sull'organizzazione dei servizi su criteri di maggiore efficienza e all'offerta di un trasporto pubblico pi ù rispondente alle esigenze dei cittadini, anche attraverso l'utilizzo di tecnologie che consentano il controllo dei flussi e l'informazione in tempo reale".

Tra i risultati gi à conseguiti, Viventi ha ricordato la bigliettazione unica per bacino e le attivit à di assistenza tecnologica alle aziende di gestione del trasporto: "abbiamo gi à realizzato il portale regionale di info mobilit à - ha precisato l ’ Assessore - installato i sistemi di AVM (controllo automatico dei veicoli) sui mezzi e le paline informative alla fermata. Il 60 per cento dei mezzi è gi à cablato e oggi con nuovi fondi strutturali copriremo il 100 per cento della flotta, tutti i 1300 mezzi che circolano sul territorio. Ultimo passaggio quello della bigliettazione elettronica, già avviata in fase sperimentale nell'area vasta di Ancona, il cui avvio è previsto su tutto il territorio entro il 2015. Questo garantir à una tariffazione integrata unica tra le diverse modalità di trasporto, oltre ad un maggior controllo sul problema dell'evasione tariffaria".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-12-2014 alle 18:29 sul giornale del 05 dicembre 2014 - 1055 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/acvM





logoEV