Belvedere Ostrense: 50 anni di Roberto Mancini, il mister festeggia con parenti e amici

2' di lettura 02/12/2014 - L'allenatore dell'Inter sceglie il borgo medievale di Belvedere Ostrense per festeggiare i suoi primi cinquant'anni. Roberto Mancini lunedì sera è stato il protagonista della cena organizzata al ristorante La Taverna degli Archi, riservata ad una trentina di parenti e amici più stretti.

L'allenatore dell'Inter sceglie il borgo medievale di Belvedere Ostrense per festeggiare i suoi primi cinquant'anni. Roberto Mancini lunedì sera è stato il protagonista della cena organizzata al ristorante La Taverna degli Archi, riservata ad una trentina di parenti e amici più stretti. Approfittando del giorno di chiusura del locale e del giorno di riposo dagli impegni calcistici, Mancini è arrivato da Milano a Belvedere per una serata speciale.

Lo chef Antonio Ciotola, amico di lunga data di Mancini, ha preparato un menù dedicato al “Mancio”, con tutti i sapori e i piatti da lui preferiti, servito in sala dalla moglie Manola. Non casuale la scelta della location, un locale riservato, all'interno delle antiche mura castellane del centro storico di Belvedere Ostrense, lontanto da occhi indiscreti, dove Mancini da raggazzo arrivava da Jesi durante le sue uscite in bicicletta. Per il mister un menù a base di carpaccio di chianina con melograno, polenta al ragù, millefoglie di verdure, coniglio in porchetta con scottona marchigiana e agnello alla brace.

“Roberto ha chiesto un menù tradizionale e così l'ho accontentato -racconta lo chef Ciotola, divenuto ancora più abile ai fornelli nonostante un incidente lo abbia reso non vedente da otto anni- il mister è molto legato alla sua terra e alle sue origini e ha voluto una cena a base di prodotti tipici del territorio”. A festeggiare Mancini in tutto c'erano una trentina di invitati, compresi i genitori e la sorella, e gli amici più cari. Grande attesa naturalmente per la torta dei 50 anni, ispirato ovviamente ai successi calcistici di Mancini.

Sulla torta erano infatti raffigurati gli scudetti delle società in cui ha militato, tra cui Sampdoria, Manchester e Inter, dove ha centrato i suoi tre scudetti. Il brindisi di compleanno è stato suggellato con una magnum da 9 litri dell'azienda Ca' del Bosco che ha realizzato una bottiglia a lui dedicata con tanto di nome e dedica, “Roberto Mancini, 27 novembre 2014”.








Questo è un articolo pubblicato il 02-12-2014 alle 23:45 sul giornale del 03 dicembre 2014 - 1148 letture

In questo articolo si parla di attualità, roberto mancini, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/acof