counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > SPORT
articolo

Calcio, Ascoli: vittoria all’ultimo respiro a Savona con San Perez

3' di lettura
1631

Al ‘’Bacigalupo’’ di Savona giunge un Ascoli affamato di vittoria dopo il pareggio agguantato per i capelli contro il Prato e 4 partite senza vittorie. Ritorna Addae, vero e proprio talismano per la formazione bianconera.

L'1 - 0 finale ad opera di Perez fa volare i bianconeri a quota 12 punti in classifica, ma ancora una volta il risultato è arrivato agli sgoccioli.

La partita, specialmente nel primo tempo, stenta a decollare. Gioco molto spezzettato e Ascoli raramente pericoloso dalle parti di Pennesi.

Già al 4’ minuto gli animi si scaldano tra Quintavalla e Mustacchio. Giallo ad entrambi. La prima frazione è una girandola di battibecchi ed ammonizioni, contornati di tanto in tanto da qualche sterile cross che non crea nessun pericolo ai portieri.SU uno di questi nasce l’occasione più ghiotta per l’Ascoli, un colpo di testa di Mori al 28’ che però non crea problemi a Pennesi.

L’unica nota positiva per il Picchio sono i suoi tifosi, giunti anche in terra ligure a supportare i loro colori.

L’azione più pericolosa della prima metà di gara è un colpo di testa di Colombi al 43’ che scheggia la parte alta della traversa. Nella ripresa, si cambia registro. Ci prova subito l’Ascoli. Corner di Berrettoni, stacca Altinier che però non inquadra lo specchio della porta. Nel contropiede innescato direttamente dalla rimessa, giallo per Cristiano Rossi, che ferma fallosamente Colombi lanciato verso la porta ascolana. I giocatori di casa invocano il rosso. Poco dopo, ancora Savona con Scappini, che dal limite prova la conclusione, ma il suo tiro termina a lato.

Al 54’, botta di Chiricò dal limite, con Pennesi che si impegna nella prima vera parata della partita. Dopo la sfuriata iniziale, la partita torna ad assestarsi sui ritmi soporiferi del primo tempo, senza particolari azioni o conclusioni degne di nota.

L’Ascoli ci riprova con Chiricò, che al 66’ fa partire un tiro velleitario da casa sua che non crea problemi all’estremo difensore savonese. Petrone inverte più volte gli esterni, con Chiricò e Mustacchio che si alternano sulla fascia destra e sinistra. Tuttavia, la mossa non sortisce mai l’effetto sperato e sembra dare più fastidio ai due centrocampisti bianconeri, che alla difesa ligure. Al 73’ De Feo ha un'occasione dal limite, ma la sua conclusione a giro finisce in curva.

Lo stesso De Feo, un minuto dopo, ha la palla d’oro per sbloccare il match su assist di Marchetti, ma da pochi passi spedisce alto. Sospiro di sollievo per un Ascoli che sembra fin troppo rinunciatario. Al 79’, uno strepitoso Lanni salva il Picchio dalla capitolazione con una grandissima parata su una punizione a giro di De Feo dal limite.

Gli uomini di Petrone si scuotono all’80’ con un mancino incrociato di Perez che sibila poco lontano dal palo.

Quando ormai la partita si avviava verso un epilogo abbastanza scontato, a giudicare da quello che si era visto in campo, Perez trafigge Pennisi con un diagonale perfetto e regala la vittoria all’Ascoli.

Ancora un risultato al cardiopalma per i bianconeri, che nelle ultime partite ci stanno prendendo gusto a sovvertire i risultati negli ultimi minuti e a mettere a dura prova le coronarie dei propri tifosi. Petrone, però, dovrà fare qualcosa per migliorare il gioco di una squadra che non può continuare ad attendere l’ultimo minuto di gara per inventarsi qualcosa.



Questo è un articolo pubblicato il 04-10-2014 alle 16:15 sul giornale del 06 ottobre 2014 - 1631 letture