counter

Recanati: dipendenti pubblici violano la privacy dei cittadini, la lettera denuncia di Maurizio Marcella

Cras Ancona 1' di lettura 28/08/2014 - Il recanatese Malizio Marcella, disoccupato dal 2009, ha inviato una lettera che pubblichiamo di seguito al Dott. Giovanni Stroppa riguardo alla violazione della privacy da parte di dipendenti pubblici.

"Gent.mo Dott. Giovanni Stroppa, con molto disappunto sono venuto a conoscenza che impiegati del Cras di Ancona, e quindi credo anche di tutto il settore pubblico, utilizzano i dati delle persone per motivi propri. Dati che si dovrebbero utilizzare solo motivi strettamente a fini lavorativi, ma sembra che ci sono persone che possono accedere e documentarsi sui indirizzi, sui telefoni, sui redditi, come dire tutto alla faccia della privacy.

Mi sembra altrochè strano che a certi dati si possa accedere senza lasciare segno per cosa è stato utilizzato e chi l’ha utilizzato. Penso quando, tempo fa, erano stati pubblicati i redditi di alcuni parlamentari e tutti si sono adirati, mentre i comuni cittadini sono alla stregua di persone , che per questioni personali, si documentano sulle singole persone.

Spero che quanto detto non abbia più a verificarsi e, nel caso ciò avvenisse, ci sia un responsabile a cui fare riferimento il quale possa dare giustificazioni scritte a proposito. La privacy se c’è deve valere per tutti e non solo per qualcuno e altri possono accedere ai dati come vogliono. Soprattutto non paghiamo il prezzo della benzina più alto d’Italia per farci spiare".


   

da Marcello Malizia




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-08-2014 alle 13:04 sul giornale del 29 agosto 2014 - 1974 letture

In questo articolo si parla di attualità, ciclismo, ancona, recanati, privacy, marcello malizia, dipendenti pubblici, cras

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/81U