counter

Montemarciano: scontro sulla rampa d'uscita dell'A14, sei feriti

Ambulanza notte 1' di lettura 18/08/2014 - Scontro sulla rampa di uscita della carreggiata nord del casello A14 a Montemarciano. Erano circa le 20 di domenica quando due auto, una con a bordo un'intera famiglia di Venezia (genitori e tre figli) e l'altra con a bordo una giovane senigalliese, si sono scontrate frontalmente.

Secondo una prima ricostruzione da parte della Polizia Stradale di Fano, intervenuta per i rilievi del caso, sembrerebbe che mentre un'auto stava uscendo dall'autostrada e quindi percorrendo regolarmente la rampa per raggiungere il casello, l’altra, appena entrata in A14, invece di imboccare la rampa di accesso avrebbe imboccato contromano quella in uscita. Inevitabile lo scontro.

Nell'impatto sono rimaste ferite tutte le sei persone all'interno dei due mezzi. Le 4 ambulanze e l'eliambulanza giunte sul posto hanno dato la priorità ai tre bambini. Uno è stato recuperato dall'eliambulanza per un trauma addominale mentre gli altri due dall'ambulanza. Tutti sono stati accompagnati all'ospedale Salesi di Ancona con ferite di media gravità e si trovano in prognosi riservata. Gli adulti, feriti in maniera lieve, sono stati comunque accompagnati in ospedale per accertamenti. Tuttavia nessuno dei 6 occupanti(rispettivamente di 39, 47, 44, 14, 9 e 8 anni) è in pericolo di vita.

Sul posto, oltre i sanitari e la Polizia Stradale di Fano, sono intervenuti anche i Vigili del Fuoco di Ancona che hanno provveduto ad estrarre le 6 persone dalle lamiere e a mettere in sicurezza le auto.

Le indagini sono ancora in corso per chiarire l'esatta dinamica e le responsabilità degli automobilisti.






Questo è un articolo pubblicato il 18-08-2014 alle 13:27 sul giornale del 19 agosto 2014 - 1161 letture

In questo articolo si parla di cronaca, montemarciano, vigili del fuoco, polizia stradale, ambulanza, eliambulanza, scontro frontale, Sudani Alice Scarpini, autostrada A14, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/8E3

Leggi gli altri articoli della rubrica fatti tragici