counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Truffa agli anziani, Lino Banfi testimonial per la Polizia

2' di lettura
1085

Un altro caso di truffa ai danni di anziani è stato denunciato alla Polizia di Senigallia chiamata ad intervenire da una donna residente nella zona dell'ospedale.

La donna ha raccontato agli agenti, recatisi nella sua abitazione, che, poco prima, due uomini, che dicevano essere dei tecnici dell'acquedotto, avevano suonato al campanello di casa chiedendo di poter visionare le bollette e fare un controllo al contatore. La donna ingenuamente ha accompagnato gli uomini nella zona del contatore e mentre uno dei due la intratteneva con vari argomenti circa la corretta esecuzione del servizio di erogazione dell'acqua, l'altro diceva di allontanarsi per effettuare altri controlli. Dopo pochi minuti i due uomini hanno lasciato la casa della donna e si sono allontanati; nel far ciò uno dei due ha sfilato alla donna alcuni gioielli d'oro che indossava. Una volta allontanatisi, la donna ha capito di essere stata raggirata e ha subito chiamato la Polizia.

“Questi casi di raggiri ai danni degli anziani si verificano con una certa frequenza e, normalmente, vedono come vittime persone che per lo più vivono da sole e che hanno ridotta capacità di reazione -spiega il vice questore aggiunto, dirigente del Commissariato di Senigallia, Agostino Licari- Nel ricordare l'importanza di prestare attenzione a quanti si avvicinano con richieste strane, come ad esempio richieste di denaro per debiti contratti da parenti, richiesta di verifica circa la genuinità di banconote o altro, è ritiene utile rammentare che la Polizia di Stato anche quest’anno porta avanti la campagna antitruffa denominata “Sicuri ad ogni età” in relazione alla quale è stato prodotto un video che si trova sul sito www.poliziadistato.it , in cui il protagonista, il famoso attore Lino Banfi, fornisce dei consigli utili agli anziani ed anche ai loro parenti- cui spetta il compito di mettere in guardia e vigilare sulle persone anziane- per evitare le truffe che, al di là del danno economico che producono, comportano dei sentimenti di insicurezza e fragilità ancor più accentuati nelle persone con ridotta capacità di reazione”.

In riferimento alla truffa in questione sono in corso gli accertamenti per verificare l’identità dei soggetti resisi responsabili del fatto.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-07-2014 alle 12:14 sul giornale del 22 luglio 2014 - 1085 letture