counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Cupramarittima: presi i responsabili della rapina in banca di febbraio scorso

1' di lettura
1336

Sono un palermitano di 49 anni Antonino Di Mauro e un messinese di 52, Domenico Ferrara gli autori della rapina della Banca delle Marche del 27 febbraio scorso, quando portarono via dalle casse della banca ben 120.000 euro.

Le modalità della rapina destarono molta impressione, in quanto i due malviventi rinchiusero i clienti presenti e i lavoratori della banca in una stanza e costrinsero il direttore dell’istituto ad aprire la cassaforte e farsi consegnare il denaro. Furono lunghissimi minuti, 30/40, di terrore per tutti i presenti per le continue minacce che i due rivolgevano loro.

I due rapinatori erano stati identificati e arrestati dai Carabinieri del Nucleo provinciale di Ascoli per un altro tentativo di rapina alla banca Marche il 27 maggio scorso compiuta con occhiali e parrucche ed armati di cutter e coltello, identico modus operandi della rapina a Cupramarittima.

Su ordine del Gip di Fermo, sono finiti venerdì 18 luglio in manette con l'accusa di rapina aggravata.

L’arresto è avvenuto nelle rispettive abitazioni dei due siciliani a Palermo e Messina.



Questo è un articolo pubblicato il 18-07-2014 alle 22:37 sul giornale del 19 luglio 2014 - 1336 letture