counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Programma di Sviluppo Rurale della Regione, Zinni: 'Va ritirato per troppa burocrazia'

2' di lettura
824

Giovanni Zinni

"Il Programma di Sviluppo Rurale della Regione Marche - dice Giovanni Zinni Consigliere Regionale FDI AN - va ritirato perché è intriso da troppa burocrazia. Le associazioni di categoria, oggi riunite nel cartello Agrinsieme, hanno chiaramente rimarcato questo aspetto.

Sia nell'iter, dove poco tempo è stato concesso ad Agrinsieme di concertare, sia nel merito, con appesantimenti notevoli rispetto al precedente programma, questo PSR risulta troppo "dottrinario" e poco calato nella realtà. Oggi, con la crisi economica, le imprese del primo settore in generale necessitano di un sostegno reale alla ripresa produttiva ed all'occupazione. Nel PSR ci sono 17 misure da attivare che si declinano in 137 tipi di azioni ed altre decine di sub azioni: così si aumenta la burocrazia e si ostacola la crescita, allontanandoci dalla necessaria semplificazione. 756 pagine di programma vuole dire aumento dei cavilli per non attivare delle misure di sostegno oppure fare bandi di difficile destinazione.

La Regione Marche, nell'ottica di un recupero anche ambientale del territorio e non solo di occupazione, deve concretamente investire nella nascita dei giovani agricoltori e nel recupero delle aree montane sempre più abbandonate. Inoltre è un programma che estende i vincoli rispetto a quanto desiderato dall'Unione Europea! Perché la Giunta ha scelto di non concertare adeguatamente con le associazioni di categoria il nuovo PSR? Perché questo aumento della burocrazia astratta a svantaggio dell'incremento dei progetti concreti nel territorio?

Sarebbe opportuno, ed invito a farlo, che la Giunta ritiri il programma non facendolo votare giovedì dal Consiglio, affinché lo stesso ritorni ancora in commissione per essere sottoposto a delle ulteriori modifiche concertate con gli operatori. Altrimenti voterò contro questo sciagurato PSR voluto dalla Giunta."



Giovanni Zinni

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-07-2014 alle 20:05 sul giornale del 16 luglio 2014 - 824 letture