counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

San Benedetto dle Tronto: caso Sarchiè, ricorso dei familiari

1' di lettura
1556

Il giallo sulla misteriosa scomparsa del commerciante di pesce non trova appigli, tracce sulle quali proseguire le indagini e dopo la decisone della Prefettura di Macerata di sospendere le ricerche nella zona di Pioraco i familiari con gli avvocati Luca Sartini e Marco Vannini, messi a disposizione della famiglia Sarchiè dall'associazione 'Penelope Marche', vogliono vederci chiaro e preparano un ricorso.

Sono attesi nei prossimi giorni anche i tabulati telefonici con le chiamate in entrata e in uscita sul cellulare del commerciante di pesce e forse potrebbero arrivare dlle novità o almento qualcosa su cui partire per ricostruire gli ultimi spostamenti di Pietro Sarchiè.

La famiglia sconvolta dall'apprensione e dalla paura, vuole capire e non ha affatto condiviso la decisione della Prefettura di Macerata di sospendere le ricerche. Inoltre gli stessi investigatori hanno condotto le indagini trascurando dei particolari importanti.

Ad esempio il raggio di azione di Sarchiè da Pioraco non è stato verificato al meglio, ed alcune zone non sono state battute dai cani e dai militari, tutti i potenziali percorsi vanno individuati e le ricerche devono riprendere perchè una persona non può scomparire nel nulla, così, senza lasciare qualche indizio o traccia.

Finora sono state seguite solo piste sbagliate come quella di Fiumicino che si è poi rivelato un errore di persona.



Questo è un articolo pubblicato il 01-07-2014 alle 11:44 sul giornale del 02 luglio 2014 - 1556 letture