counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
articolo

'Aerobus Raffaello': dall'1 luglio attiva la navetta che collega Ancona con l'aeroporto

2' di lettura
1177

Dall’1 luglio sarà attivo l’Aerobus Raffaello, il servizio navetta che collegherà Ancona con l’aeroporto delle Marche. Il bus raccoglierà i passeggeri in 4 fermate ad Ancona (piazza Cavour, piazza Kennedy, stazione centrale e stazione di Torrette) e alla fermata di Falconara stazione e viceversa.

La navetta sarà in funzione nei giorni feriali e festivi (ad eccezione di Capodanno, Pasqua, Ferragosto, Natale) e il biglietto costerà 5 euro da e per Ancona, 3 euro da e per Falconara (prevista anche la vendita a bordo). Il servizio è stato possibile grazie alla collaborazione tra Regione Marche, Comuni di Ancona e Falconara, Provincia di Ancona, società Aerdorica e società ATMA. Il finanziamento (130mila euro all’anno) rientra nelle assegnazioni delle percorrenze e dei corrispettivi che la Regione riserva alla Provincia di Ancona per il rispettivo bacino all’interno del progetto regionale della rete dei servizi di Tpl automobilistico extraurbano.

“Questa navetta è un atto dovuto – spiega Luigi Viventi, assessore regionale ai Trasporti - e completa la gamma di servizi dell’aeroporto. Le tariffe sono adeguate, simili a quelle degli altri aeroporti e il bus è a servizio sia dei voli in partenza sia di quelli in arrivo”. L’aerobus arriverà allo scalo un’ora prima della partenza del volo e, essendo dedicato agli utenti dell’aeroporto, aspetterà i passeggeri se gli aerei in arrivo ritarderanno. Gli orari infatti sono soggetti a variazione in base alle modifiche degli orari dei voli. “E’ un servizio importante – dichiara l’assessore comunale Ida Simonella - non solo per l’aeroporto, ma anche per la città di Ancona. E’ un collegamento a prezzi competitivi e la navetta ha anche finalità turistica. E’ una bella opportunità perchè attirerà le persone a visitare la città”. “Abbiamo aderito subito all’iniziativa – dice Clemente Rossi, vicesindaco di Falconara - e ne siamo fieri. Ci auguriamo che sia un ulteriore segnale di rilancio dei servizi aeroportuali e di Aerdorica”. Il bus sarà riconoscibile grazie a un particolare allestimento della carrozzeria esterna e all’interno sarà attrezzato come un mezzo gran turismo, con aria condizionata e vano bagagli.





Questo è un articolo pubblicato il 30-06-2014 alle 17:42 sul giornale del 01 luglio 2014 - 1177 letture