counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Senigallia: si difende marocchino 'sciacallo', 'Non volevo rubare. Pensavo fossero oggetti da buttare'

1' di lettura
1187

Torna in libertà il 62enne marocchino, proveniente dall'Umbria, arrestato dai carabinieri in flagranza di reato per il furto di elettrodomestici ai danni di alcune vittime dell'alluvione.

L'uomo, infatti, era stato fermato dai carabinieri mentre si trovava alla guida di un furgone Ford Transit nel quale erano stati ritrovati alcuni elettrodomestici appartenenti ad alcune famiglie di via Baroccio. Oggetti che erano stati accantonati temporaneamente in strada per consentire le operazioni di pulizia dei locali danneggiati dall’inondazione e che il 62enne aveva prelevato senza autorizzazione.

Venerdì il giudice del Tribunale di Ancona, non accogliendo la richiesta degli arresti domiciliari avanzata dal Pm, ha disposto di non dover applicare alcuna misura cautelare. Decisione assunta in considerazione dell'entità del furto e della giustificazione avanzata dall'uomo.

Mohamed Mouny, tornato ora in libertà, avrebbe infatti dichiarato di non voler rubare e di aver raccolto gli elettrodomestici accantonati in strada pensando che fossero oggetti da buttare via.

Il giudice, che ha concesso i termini a difesa chiesti dall'avvocato del marocchino, ha rinviato quindi il processo al prossimo 6 giugno.



Questo è un articolo pubblicato il 10-05-2014 alle 14:54 sul giornale del 12 maggio 2014 - 1187 letture