counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Dopo alluvione, Latini: 'La Regione stanzi subito i fondi per ripartire

2' di lettura
960

Dino Latini

Pronta un'interrogazione urgente a firma del Consigliere Regionale Dino Latini in merito allo stato di emergenza per l'alluvione che in questi due giorni ha colpito duramente alcune zone della Regione Marche quali Senigallia, Osimo, Ostra, Corinaldo e Chiaravalle , dove già si contano due vittime oltre che strade interrotte e fiumi di fango e acqua.

È ancora prematura una stima dei danni che la "bomba" di fango ed acqua ha causato ai privati cittadini, alle aziende agricole ed alle attività produttive, danneggiando centri abitati e devastando gran parte dei territori interessati.

Per queste motivazioni il Consigliere interroga il Presidente della Giunta Regionale per sapere quali misure urgenti intenda adottare per far si che vengano emesse le previste ordinanze di protezione civile per lo stato di emergenza deliberati successivamente all’approvazione della Legge 10/2011, per far fronte agli indennizzi sia alle persone fisiche che alle imprese colpite ed agli oneri di somma urgenza sostenuti dagli Enti interessati al fine di effettuare gli interventi più urgenti per il ritorno alla normalità, chiede inoltre se non ritenga opportuno intervenire con urgenti ed immediati provvedimenti al fine di accelerare l’erogazione di risorse economiche anche anticipandole dalle casse regionali con opportune iniziative di carattere normativo per assicurare quanto prima il ripristino delle normali condizioni di utilizzo della rete della viabilità comunale e la resa esecuzione dei numerosi interventi di somma urgenza che richiedono una copertura finanziaria da parte dei Comuni colpiti, infine chiede che se non intenda mettere in campo una disciplina in materia di prevenzione del suolo ad oggi non ancora coerenti con gli obiettivi di una moderna politica di salvaguardia e tutela del dissesto idrogeologico.



Dino Latini

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-05-2014 alle 18:03 sul giornale del 06 maggio 2014 - 960 letture