counter

Progetto pilota Mcloud, Spacca: 'Le Marche promuovono lo sviluppo del digitale e investono su servizi avanzati'

4' di lettura 18/03/2014 - La conclusione del progetto pilota Mcloud, realizzato con la collaborazione dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), è stata celebrata in Regione con la consegna degli attestati di partecipazione alle giornate formative ‘Corso TECNICO ICT e crescita digitale: il progetto Marche Cloud (MCloud)’.

La consegna dei diplomi è stata l’occasione per confermare la strategia della Regione che accompagna i processi di innovazione attraverso la qualificazione di un’identità distintiva per il sistema economico e sociale del territorio in domini avanzati e su piattaforme chiave abilitanti, ponendo a riferimento l’infrastruttura tecnologica Marche Cloud.

“Le Marche promuovono lo sviluppo del digitale e sperimentano nuovi modelli organizzativi. Investono per questo su servizi avanzati, nuovi standard e soluzioni tecnologiche per potenziare la competitività e dare slancio alla crescita del sistema economico marchigiano – ha affermato il presidente Gian Mario Spacca - La transizione verso l’economia digitale dei sistemi produttivi locali, in particolare delle micro e piccole imprese, richiede grandi energie e va supportata da un’azione pubblica che, in sinergia con il mondo della ricerca, stimoli lo sviluppo di nuovi modelli di business. La struttura policentrica delle Marche, che si vuole proseguire, si basa su economia diffusa, piccole imprese e città, servizi diffusi per assicurare a ciascun territorio occasioni di crescita. Per poter conservare questo modello – ha aggiunto Spacca - occorre potenziare la connettività. Molto è già stato fatto per le reti immateriali, dorsali della fibra ottica, banda larga, ponti radio per l’accesso a internet via wireless. La nuova frontiera è la Cloud. Su questo la Regione sta investendo con grande determinazione, proponendo anche a livello europeo la creazione di una Cloud in area adriatico ionica”.

E’ indispensabile investire nell’economia digitale e nel trasferimento tecnologico per creare competenze specialistiche sul territorio preparate e adeguate per l’impiego nelle tecnologie informatiche e telecomunicazioni.

“Un processo di innovazione accompagnato strategicamente ponendo come riferimento l’infrastruttura tecnologica Marche Cloud – ha aggiunto Paola Giorgi, assessore alle infrastrutture, reti, ICT, MCloud - Da progetto di infrastruttura, MCloud si è evoluto e oggi è divenuto una strategia complessiva di erogazione di servizi innovativi per la pubblica amministrazione, per le imprese e i cittadini ed è diventata per la Regione una architettura ampia di riferimento”.

La Regione Marche ha quindi provveduto alla formazione nelle moderne tecnologie ICT per qualificare e specializzare personale ricercatore, della pubblica amministrazione e delle imprese. Una serie di incontri, nell’ambito del Progetto Pilota Marche Cloud, realizzati con la collaborazione dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN).

“Abbiamo investito nella formazione – ha detto Giorgi – la chiave strategica per aumentare le competenze, accrescere le conoscenze e favorire la capacità di innovazione, che sono elementi sempre più necessari e importanti per il presente e il futuro”.

Da qui, è partita un’intensa attività informativa per sensibilizzare Pubbliche Amministrazioni e imprese sull’importanza della formazione e della creazione di competenza nelle moderne tecnologie ICT. Sono state incontrate Associazioni di Categoria per conoscere i nominativi delle Imprese ICT interessate a sviluppare ed erogare servizi innovativi utilizzando infrastruttura di cloud computing. Attività che hanno dimostrato crescente interesse e sono state raccolte le adesioni ai corsi in programma.

Da novembre 2013 a gennaio 2014, la Regione Marche ha realizzato - attraverso la Scuola di Formazione con il coordinamento della P.F. Sistemi Informativi e Telematici - i corsi di formazione rivolti a Pubbliche Amministrazioni a cui hanno partecipato Università, CST provinciali, personale tecnico delle Aziende sanitarie e ospedaliere e Imprese.

Il Corso GENERALE “ICT e crescita digitale: il progetto Marche Cloud” – della durata di una giornata per la presentazione del Cloud Computing e scenari di applicazione. E’ stato tenuto da docente dell’Università di Camerino, docente dell’Università Politecnica delle Marche e da Dirigente dell’Istituto Nazionale Fisica Nucleare (INFN). Il corso è stato svolto il 19/11/2013 e replicato il 21/11/2013. E il Corso TECNICO “ICT e crescita digitale: il progetto Marche Cloud” - della durata complessiva di 3 giornate con approfondimenti tecnici e laboratorio sulla infrastruttura di Marche Cloud. Il corso tecnico è stato svolto in due distinte edizioni per dare modo a tutti di partecipare: la prima edizione 2013 riservata alle imprese nelle giornate del 10, 13 e 19 dicembre e una successiva riservata alla Pubblica Amministrazione svolto il 17, 24 e 31 gennaio 2014.

Sono 107 le persone che sono state formate per Mcloud tra corso Generale (62 persone, 25 PA e 37 per Imprese), corso Tecnico riservato alla Pubblica Amministrazione (30 persone dei settori Sanità, Scuole, Province e università) e corso Tecnico riservato alle Imprese (15 persone in rappresentanza di 15 imprese).








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-03-2014 alle 17:54 sul giornale del 19 marzo 2014 - 1014 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/Z7n